Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Sereni, nel mondo indebolito dalla pandemia la sicurezza si tutela con più democrazia

Data:

25/06/2020


Sereni, nel mondo indebolito dalla pandemia la sicurezza si tutela con più democrazia

“La pandemia ha accelerato processi geopolitici globali pre-esistenti che stanno contribuendo a una fragilizzazione sempre più profonda dello scenario globale e nel Mediterraneo allargato, ma sono convinta che vi sia uno spazio strategico per l’Italia e l’Unione Europea per portare un valore aggiunto alla stabilità e alla prosperità nell'area Mediterranea supportando sicurezza, giustizia sociale, e promozione dei diritti umani”. Così la Vice Ministra Marina Sereni nel suo intervento di apertura del secondo Meeting Regionale in preparazione dei Rome MED-Dialogues del 2020 realizzato dal think tank italiano ISPI con la collaborazione del Centro Studi di Ginevra per la Governance del Settore Sicurezza. 

“La discussione di oggi – prosegue la Vice Ministra Marina Sereni-  ci offre l’opportunità di riflettere sugli scenari post-pandemici e su come la pandemia abbia colpito la dimensione di sicurezza nelle aree più fragili del globo, ridefinendone il significato. Il Covid19 ci ha insegnato che la frammentazione sociale, le disuguaglianze e la fragilità delle istituzioni, possono aumentare l’emergere di tensioni e conflitti e che il rafforzamento economico e istituzionale, insieme a un sistema efficiente e trasparente del settore di sicurezza è fondamentale per garantire pace e stabilità.”

“Sono convinta – conclude la Vice Ministra degli Affari Esteri che l’Unione Europea, insieme alla NATO e alle Nazioni Unite, debbano giocare un ruolo determinante nella promozione della sicurezza nella Regione Mediterranea supportando i Paesi nel rafforzamento degli assetti di sicurezza promuovendo allo stesso tempo la democrazia, il rispetto dei diritti umani e la lotta alla corruzione. In tal senso è fondamentale che le donne siano coinvolte in quanto attori-chiave dei processi di sicurezza. Per questo l’Italia supporta fortemente l’Agenda ONU “Donne, Pace e Sicurezza”.


39626
 Valuta questo sito