Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Sereni, Paesi arabi molto preoccupati da ipotesi annessioni israeliane in Cisgiordania

Data:

22/06/2020


Sereni, Paesi arabi molto preoccupati da ipotesi annessioni israeliane in Cisgiordania

“La posizione italiana sulla conflitto israelo-palestinese è invariata: sosteniamo una soluzione negoziata che dovrebbe tenere in debita considerazione le legittime aspirazioni e necessità di entrambe le Parti e che dovrebbe condurre a una soluzione a due Stati giusta, fattibile e sostenibile, basata su parametri internazionali e in conformità con il diritto internazionale”. Lo ha dichiarato la Vice Ministra Marina Sereni aprendo il webinar “Israel and Palestine: the end of the Two-State solution?”, organizzato nell’ambito dei lavori preparatori del MED Dialogue dal MAECI e dall’ISPI.

“A questo proposito, - ha spiegato la Vice Ministra - abbiamo espresso serie preoccupazioni sulle prospettive di annessioni unilaterali israeliane. Se attuate, tali misure costituirebbero una chiara violazione del diritto internazionale e rischierebbero di minare seriamente qualsiasi possibilità di ripresa del dialogo con i palestinesi e compromettere la fattibilità della prospettiva dei due Stati. Ma sarebbe anche dannoso per la sicurezza di Israele, che rimane una priorità per l'Italia e metterebbe a repentaglio la stabilità regionale. Siamo quindi preoccupati per gli annunci dell'Autorità Palestinese di sospendere tutti gli accordi firmati con Israele e gli Stati Uniti, anche nel settore della sicurezza, e la conseguente possibilità di disordini sociali. Inoltre, dobbiamo tenere in debito conto i segnali provenienti dal mondo arabo, che sono sempre più chiari e preoccupanti: a cominciare dagli avvertimenti lanciati da Giordania ed Egitto, gli unici due Stati arabi ad aver firmato accordi di pace con Israele che hanno garantito un lungo periodo di pace e stabilità nella regione, ma anche dalle recenti posizioni espresse dagli Emirati e dall’Arabia Saudita, gli avvertimenti della Turchia e persino le inaccettabili minacce dell’Iran”.

“L’Unione europea e l’Italia stanno facendo tutto il possibile per evitare le annessioni. Il nostro obiettivo condiviso è impedire mosse unilaterali prima che sia troppo tardi e per questo stiamo cercando di sensibilizzare i principali attori coinvolti, a partire da Israele, che per noi rimane un partner strategico. È noto che sulla questione tra i Paesi europei vi siano posizioni diverse. Ciononostante, quasi tutti gli Stati membri concordano sul fatto che le annessioni siano illegali. Dobbiamo perciò, come Europa e come Italia, continuare a impegnarci con tutte le parti interessate per la ripresa di colloqui diretti, con l’obiettivo di una soluzione che possa garantire pace, stabilità e prosperità per tutti. Israeliani e Palestinesi si trovano ad affrontare un crocevia storico. La nostra speranza - ha concluso Sereni - è che entrambi agiscano con spirito di compromesso e visione, scegliendo la strada giusta per raggiungere questo obiettivo tanto atteso e urgente”.


39582
 Valuta questo sito