Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Di Stefano apre la V Settimana della Cucina Italiana nel mondo

Data:

23/11/2020


Di Stefano apre la V Settimana della Cucina Italiana nel mondo

Si è tenuto oggi, alla presenza del Sottosegretario per gli Affari Esteri Manlio Di Stefano e della Ministra delle politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova, l’evento di lancio della “V Settimana della Cucina italiana nel mondo”.

La Settimana della Cucina è la rassegna tematica annuale di promozione integrata dedicata al settore agroalimentare, lanciata nel 2016 dal MAECI in collaborazione con il MIPAAF e sviluppata con il supporto di un gruppo di lavoro a cui prendono parte numerosi partner pubblici e privati legati al comparto.

Il tema dell’edizione 2020, “Saperi e Sapori delle terre italiane, a 200 anni dalla nascita di Pellegrino Artusi”, offre uno guardo al futuro del settore agroalimentare ripartendo dalle radici della nostra tradizione e esaltando il ruolo del patrimonio enogastronomico dei nostri territori. Il richiamo ad Artusi, padre della cucina domestica italiana, intende valorizzare tanto la ricchezza e la varietà delle tradizioni culinarie dei territori italiani, quanto la salubrità e sostenibilità dell’intera filiera, incarnando esemplarmente principi e valori della Dieta mediterranea, che proprio quest’anno festeggia i dieci anni del riconoscimento da parte dell’UNESCO come Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.

La potenza del Made in Italy del cibo che oggi celebriamo non risiede soltanto nella rilevanza dei numeri aggregati, che pure evidenziano un settore che cresce più e meglio degli altri, anche durante i primi sei mesi del 2020, in piena emergenza sanitaria, con un +3,5% nell’export agroalimentare. La ricetta del suo successo risiede in un modello di sviluppo industriale mirato alla qualità, in cui tradizioni e territori si fondono con innovazione, ricerca, cultura e design - dunque, nel solco delle linee direttrici della nuova promozione integrata tracciate dal Patto per l’Export - ma anche sulla tutela dei nostri prodotti “distintivi” che, con 310 denominazioni agroalimentari protette DOP, IGP, STG e 525 vini DOCG, DOC, IGT, collocano l’Italia al primo posto tra i Paesi europei per maggior numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e indicazione geografica riconosciuti dall'Unione europea”, ha dichiarato il Sottosegretario Manlio Di Stefano. 


La V edizione della Settimana della Cucina Italiana nel mondo si celebrerà dal 23 al 29 novembre 2020.

La rassegna vede l’organizzazione di un ricco palinsesto di eventi presso la rete diplomatico-consolare, degli Istituti Italiani di Cultura e degli Uffici ICE all’estero e si è affermato negli anni come efficace strumento di sostegno alla promozione del settore agroalimentare e all’internazionalizzazione di un comparto produttivo strategico per il nostro export, oggi ancor più necessario per fronteggiare le ripercussioni economiche causate dall’emergenza sanitaria.


40710
 Valuta questo sito