Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Del Re. Italia aumenta contributo a Fondo Onu Per Crisi Umanitarie

Data:

08/12/2020


Del Re. Italia aumenta contributo a Fondo Onu Per Crisi Umanitarie

La Vice Ministra agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, è intervenuta alla Conferenza annuale dei Donatori del “Central Emergency Response Fund” (CERF) delle Nazioni Unite. L’evento è stato aperto dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, e moderato dal Sottosegretario Generale delle Nazioni Unite e Coordinatore dei Soccorsi di Emergenza, Mark Lowcock. Il CERF è un fondo multi-donatori costituito dall’Assemblea Generale dell’ONU nel 2006, con l’obiettivo di rispondere in maniera rapida e flessibile alle crisi umanitarie più urgenti, o alle crisi cosiddette "dimenticate".

Nell’annunciare che l’Italia aumenterà il suo contributo al CERF per il 2021, la Vice Ministra ha ricordato come negli ultimi anni, le esigenze umanitarie sono continuamente in aumento. “Nel 2021, 1 persona su 33 in tutto il mondo avrà bisogno di assistenza e protezione umanitaria; la cifra più alta degli ultimi decenni.”

Per Del Re, il CERF si è dimostrato uno strumento efficace per fornire un sostegno finanziario tempestivo in caso di emergenze impreviste e sotto-finanziate. Ciò è stato dimostrato, ad esempio, dalla volontà delle Nazioni Unite di utilizzare il CERF per alleviare le sofferenze delle persone recentemente colpite dall'uragano “Eta” in America centrale, nonché dal sostegno alla risposta al Covid-19. La Vice Ministra si è quindi congratulata con il Sottosegretario, Mark Lowcock, “per i suoi notevoli sforzi volti a mobilitare risorse finanziarie tempestive e appropriate attraverso il CERF, quando necessario.”

“Il CERF” – ha concluso – “può anche fornire un contributo importante quando è necessaria un'azione di anticipazione, nell’imminenza dell’impatto umanitario. Condivido l'opinione secondo cui l'azione anticipata può essere "più economica, più efficace e più umana".


40890
 Valuta questo sito