Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Missione del Sottosegretario Di Stefano in Azerbaijan

Data:

10/12/2020


Missione del Sottosegretario Di Stefano in Azerbaijan

Si è conclusa la seconda e ultima tappa della missione del Sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Manlio Di Stefano, nel Caucaso, con una visita a Baku e alla città di Aghdam in Azerbaijan.

Nella capitale azerbaigiana, il Sottosegretario è stato ricevuto dal Presidente della Repubblica Aliyev e ha incontrato i Ministri degli Esteri Bayramov, dell’Energia Parviz Shahbazov, nonché il capo dell’Amministrazione presidenziale responsabile della ricostruzione dei distretti tornati sotto controllo azero Samir Nuryev.

Gli incontri hanno consentito di rilanciare ulteriormente i rapporti a tutti i livelli tra l’Italia e l’Azerbaijan, sulla scia del successo della visita di Stato del Presidente Aliyev in Italia nel febbraio 2020 e rafforzati dai numerosi incontri avvenuti a livello governativo nel corso degli ultimi due anni.

Di Stefano ha ribadito la nostra posizione in favore del processo di stabilizzazione della regione, anche attraverso ‘confidence building measures’, e offerto il contributo italiano in tema di sminamento e ricognizione e preservazione del patrimonio culturale e religioso.

La visita è stata completata da una missione sul campo del Sottosegretario nella città di Aghdam, in uno dei distretti azeri liberati nelle scorse settimane a seguito della Dichiarazione Trilaterale.

“Ho trovato – ha dichiarato il Sottosegretario Di Stefano – un Paese estremamente desideroso di cooperare, a tutti i livelli, con l’Italia. Siamo pronti a contribuire ad un processo sostenibile di stabilizzazione della regione, anche nell’ambito del gruppo di Minsk, sostenendo la ripresa dei negoziati. L’Italia è pronta inoltre a offrire il suo know-how e le sue competenze in tema di ricostruzione e quest’oggi ho trovato i miei interlocutori favorevolmente disposti. Lavoreremo all’inquadramento di un MoU con gli azeri per valorizzare al massimo le professionalità delle nostre aziende.”


40903
 Valuta questo sito