Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Della Vedova alla premiazione del programma Active Young Citizens for Sustainable Development di IAI e INCE

Data:

19/05/2021


Della Vedova alla premiazione del programma Active Young Citizens for Sustainable Development di IAI e INCE

Il Sottosegretario Benedetto Della Vedova ha aperto oggi la cerimonia di premiazione delle tre scuole vincitrici del programma Active Young Citizens for Sustainable Development, lanciato congiuntamente dall’Iniziativa Adriatico-Ionica e dall’Iniziativa Centro Europea. Hanno partecipato all'evento, oltre al Ministro Di Maio, intervenuto con un videomessaggio, i Segretari Generali della IAI, Gianni Castellaneta, e dell’InCE, Roberto Antonione, e gli Ambasciatori in Italia di Albania, Croazia e Ungheria.

Il progetto Active Young Citizens for Sustainable Development, nato su impulso dell’Italia in continuità con le attività realizzate durante Presidenza dell’InCE nel 2019, ha visto gareggiare 70 scuole superiori provenienti dai Paesi di IAI e InCE, con la presentazione di proposte per l'attuazione degli obiettivi fissati dall'Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile, con il fine ultimo di favorire una maggiore sensibilità e cultura sul tema tra le nuove generazioni. I tre premi finali, ciascuno da 20mila euro, sono stati assegnati ai progetti presentati da scuole di Albania, Croazia e Ungheria, centrati su iniziative di smaltimento dei rifiuti, riciclaggio e produzioni eco-sostenibili anche in Paesi in via di sviluppo.

In apertura, il Sottosegretario ha evidenziato l’importanza del coinvolgimento dei giovani nella conoscenza e nell’attuazione degli obiettivi di sostenibilità e, più in generale, delle priorità fissate dall’Agenda 2030, per fare tesoro della loro visione e della capacità, dimostrata anche con questa iniziativa, di portare avanti proposte concrete e realizzabili per progettare il proprio futuro.

“Costruire le basi per un futuro migliore per le nuove generazioni – ha sottolineato Della Vedova – significa innanzitutto promuovere e difendere i valori della libertà e della democrazia, lo Stato di diritto e i diritti umani. Questi sono valori che dovranno sempre essere condivisi tra gli Stati che sono già membri dell’Unione e quelli che entreranno a farne parte”.

In chiusura, il Sottosegretario ha ricordato che, grazie al successo di questa prima edizione, a settembre 2021 il programma verrà rilanciato e ha invitato tutte le scuole a rinnovare la loro partecipazione.


41927
 Valuta questo sito