Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Alfano all’omologo del Bahrein: “Lavorare a soluzione negoziata della crisi del Golfo”

Data:

10/07/2017


Alfano all’omologo del Bahrein: “Lavorare a soluzione negoziata della crisi del Golfo”

Nella giornata odierna il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha avuto un colloquio telefonico con il ministro degli Esteri del Bahrein, sceicco Khalid Bin Ahmad Al Khalifa.

Durante la cordiale telefonata, i due ministri hanno discusso principalmente della crisi diplomatica nel Golfo. Il ministro Alfano ha illustrato gli esiti degli colloqui avuti recentemente con i principali attori della regione (gli omologhi Saudita, Emiratino, Kuwaitiano e Qatarino), ribadendo la preoccupazione italiana per le implicazioni umanitarie della crisi e facendo presente al suo interlocutore l’aspettativa dell’Italia che gli attori coinvolti si adoperino per alleviare le tensioni e per avviare un confronto sincero sulle origini di questi dissidi in grado di condurre quanto prima a una sua soluzione negoziata e sostenibile e a un pieno e tempestivo ripristino della collaborazione fra i Paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo.

“Il dibattito scaturito dalla crisi costituisce l’occasione per rilanciare la centralità della lotta al terrorismo e al suo finanziamento” ha detto Alfano che ha tenuto a sottolineare che “la lotta al terrorismo è una priorità per l’Italia e necessita di una risposta unita da parte della comunità internazionale”.

Nel corso del colloquio il ministro Alfano ha esaminato con lo sceicco Al Khalifa i progetti di cooperazione commerciale, cogliendo l’opportunità per confermare l’interesse da parte dell’Italia a rafforzare ulteriormente le già ottime relazioni bilaterali con il Bahrein.

Al termine della conversazione, Al Khalifa ha accettato l’invito di Alfano alla Conferenza MED Dialogues 2017 (30 novembre - 2 dicembre). “Il suo intervento ai Rome MED Dialogues offrirà un particolare valore aggiunto alle discussioni sul Mediterraneo allargato” ha sottolineato il titolare della Farnesina.

 


25150
 Valuta questo sito