Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il ministro Alfano incontra il suo omologo spagnolo

Data:

24/07/2017


Il ministro Alfano incontra il suo omologo spagnolo

dastis

 

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha avuto un colloquio con il suo omologo spagnolo, Alfonso Maria Dastis Quecedo, a margine della XII Conferenza degli Ambasciatori, a cui il ministro Dastis ha partecipato come ospite d’onore. Tra i temi affrontati, si contano le relazioni bilaterali, la Brexit, la situazione in Libia e la questione migratoria.

“La Spagna è un partner economico e commerciale imprescindibile e sono lieto di constatare che il nostro interscambio, dopo la difficile fase dovuta alla crisi economica, abbia ripreso a crescere fortemente negli ultimi due anni”, ha dichiarato il ministro Alfano al suo omologo. “Siamo favorevoli a rilanciare un vertice bilaterale nel 2017 e guardiamo con interesse anche allo svolgimento del Forum delle società civili, previsto a Roma i prossimi 2 e 3 ottobre, testimonianza della vitalità del rapporto tra i nostri Paesi”, ha aggiunto il titolare della Farnesina.

“Dobbiamo lavorare per minimizzare gli effetti negativi della Brexit sui cittadini dell’Unione europea, sulle nostre imprese e sulle Pubbliche Amministrazioni dell’UE e degli Stati membri”, ha specificato poi Alfano.

Con riferimento all’incontro a Parigi tra Serraj e Haftar, il ministro Alfano ha dichiarato di avere appreso con favore che le Nazioni Unite saranno presenti all’incontro. “In questa fase, è cruciale trasmettere un coeso messaggio di sostegno a Ghassan Salame’”, ha specificato il ministro. “Il rilancio del processo politico, su basi inclusive e di riconciliazione nazionale, rimane fondamentale per una più ampia stabilizzazione della Libia, anche in chiave di contrasto al terrorismo e al traffico illegale di esseri umani. Qualunque sviluppo in Libia, o qualunque iniziativa che la riguardi, comporta inevitabilmente un impatto sull’Italia e la sua sicurezza”, ha sottolineato il ministro.

Sul tema dei flussi migratori, il titolare della Farnesina ha ribadito che l’Italia si sta assumendo pienamente le sue responsabilità e che ora tocca all’Unione europea e agli altri Stati membri mostrare solidarietà, anche attraverso la piena attuazione delle decisioni sulla ricollocazione.


25241
 Valuta questo sito