Alfano: incontro in Farnesina con il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Alfano: incontro in Farnesina con il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas

Data:

13/01/2017


Alfano: incontro in Farnesina con il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas

abbas2

 

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Angelino Alfano ha incontrato il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas, a Roma per una serie di incontri istituzionali.

Nel corso dell’incontro, il ministro Alfano ha reiterato al suo interlocutore il convinto impegno dell’Italia a contribuire alla ricostruzione delle condizioni politiche per la soluzione dei due Stati. Alfano ha confermato al presidente Abbas la posizione italiana su insediamenti e rispetto della legalità internazionale e ha altresì sottolineato l’importanza che le dichiarazioni di condanna della leadership palestinese di qualsiasi atto di violenza siano accompagnate da concrete azioni e strategie di ripudio di ogni incitamento alla violenza.

“L’Italia, insieme alla comunità internazionale, continua a sostenere lo schema dei due Stati quale unica soluzione praticabile per porre fine al conflitto israelo-palestinese” ha detto Alfano, sottolineando che: “gli atti di violenza e terrorismo infiammano il terreno e vanno condannati fermamente”. Il titolare della Farnesina ha infine affermato che: “l’Italia ha dimostrato negli anni la propria vicinanza e solidarietà nei confronti del rafforzamento delle capacità palestinesi con un impegno di oltre 240 milioni di euro dal 2005 ad oggi e continuerà a fare la sua parte, allo scopo di riabilitare pienamente la prospettiva di una pace giusta e duratura, basata sulla soluzione dei due Stati”.
Il presidente Abbas ha esortato la Comunità internazionale ad imprimere un più forte impulso per facilitare lo sblocco del contenzioso israelo-palestinese ed auspicato che la Conferenza di Parigi possa, a questo proposito, apportare un positivo contributo”.


24038
 Valuta questo sito