Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Amendola: un'architettura di sicurezza Osce per il Mediterraneo

Data:

06/10/2016


Amendola: un'architettura di sicurezza Osce per il Mediterraneo

"Il fenomeno migratorio va affrontato con un nuovo rapporto tra Europa e Africa, secondo la logica del Migration compact promosso dal Governo italiano. Gli sbarchi degli ultimi giorni dimostrano, ancora una volta, l'urgenza di un'azione europea che aiuti anche i Paesi di transito come la Libia", così il Sottosegretario agli Esteri Vincenzo Amendola - accompagnato dall'Ambasciatore Alessandro Azzoni – intervenendo alla Conferenza Mediterranea Osce di Vienna.

"I Paesi membri devono definire un'agenda per il Mediterraneo con un ruolo propositivo dell'Osce come piattaforma di dialogo, sicurezza e sviluppo" ha aggiunto Amendola. "L'obiettivo dev'essere dar vita ad un'architettura di sicurezza Osce per il  Mediterraneo che coinvolga i giovani per dare loro maggior voce nella risposta alle sfide della regione".

Alla Conferenza hanno partecipato i Rappresentanti dei 57 Stati membri Osce ed i Paesi Partner. In agenda migrazioni, terrorismo e politiche rivolte alle nuove generazioni. Il dibattito è stato arricchito dalla presenza di molti giovani provenienti dalle sponde nord e sud del Mediterraneo, accomunati da sfide condivise e dal desiderio di essere attori del cambiamento.

Il Rappresentante Speciale ONU per la Libia Martin Kobler, ha proposto la valorizzazione del ruolo dei giovani attraverso un "Parlamento dei giovani del Mediterraneo", mentre il Ministro degli Esteri libico Mohamend Taha Siala ha reiterato la richiesta di adesione al partenariato mediterraneo Osce. Alla Libia e alle prospettive di stabilizzazione del Paese è stata dedicata la colazione di lavoro organizzata dal Ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz.

La Conferenza Mediterranea Osce, momento culminante della Presidenza austriaca del Gruppo di Contatto con i Paesi del partenariato mediterraneo, ha lanciato la prossima Presidenza italiana del Gruppo (dal primo gennaio 2017), in vista della Presidenza italiana dell'Osce nel 2018.


23508
 Valuta questo sito