Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Comunicato

Data:

05/05/2005


Comunicato

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri Gianfranco Fini ha oggi inviato al Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi il seguente messaggio:
"Nel giorno in cui, con il conferimento del Premio Carlo Magno, viene reso omaggio al Suo infaticabile impegno per la causa europea, desidero farLe pervenire le mie più sentite felicitazioni ed i miei più calorosi auguri.

Il prestigioso riconoscimento Le viene attribuito in un momento certo delicato per il processo di integrazione europea. Alla vigilia di importanti decisioni in alcuni dei Paesi chiave dell'Unione sul futuro del Trattato Costituzionale, esso acquista una particolare valenza simbolica per la diffusione di un messaggio forte e positivo a sostegno del progetto di edificazione europea. Oggi, come agli albori della concezione di quel nobile progetto, l'Europa ha infatti bisogno del coraggio, della tenacia e della visione di personalità che sappiano proiettarsi oltre le difficoltà contingenti guardando, nello spirito dei Padri Fondatori, alle principali sfide dei tempi ed agli interessi fondamentali dei suoi cittadini.

Il Premio Carlo Magno, Signor Presidente, onora la Sua limpida e solida fede europeista, ma anche il Suo personale e concreto contributo a diverse tappe cruciali della costruzione europea, come l'adozione della moneta unica e la finalizzazione del Trattato costituzionale. Nel rendere omaggio alla Sua persona, peraltro, il Premio rende onore anche all'Italia ed alle sue radicate convinzioni europeiste.

Mi consenta pertanto, Signor Presidente, di esprimerLe, anche a nome di tutti gli italiani, la gratitudine per avere costantemente e coerentemente incarnato la più fulgida tradizione europeista del nostro Paese, facendosi paladino dell'identità europea e promotore degli ideali di libertà, democrazia e tolleranza radicati nel comune sentire dei popoli europei."


Luogo:

Roma

4171
 Valuta questo sito