Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: firmata oggi la Convenzione tra il MAECI, l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e Cassa Depositi e Prestiti

Data:

15/07/2016


Cooperazione:  firmata oggi la Convenzione tra il MAECI, l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e Cassa Depositi e Prestiti

È stata firmata oggi la Convenzione tra il MAECI, l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e Cassa Depositi e Prestiti. La Convenzione, che costituisce una tappa fondamentale nell’attuazione della legge di riforma della Cooperazione (Legge 125 dell’11 agosto 2014), è stata firmata dal Direttore Generale della Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri, Giampaolo Cantini, dal Direttore dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, Laura Frigenti, e dal direttore del Business Development di Cassa Depositi e Prestiti, Bernardo Bini Smaghi.

Grazie alla Convenzione, il Ministero e l’Agenzia potranno avvalersi della società Cassa Depositi e Prestiti per l’istruttoria e la gestione dei profili finanziari delle iniziative di cooperazione allo sviluppo, nonché per la strutturazione di prodotti di finanza per lo sviluppo nell’ambito di accordi con organizzazioni finanziarie e europee o internazionali o della partecipazione a programmi dell’Unione Europea.

Come sottolineato dal Vice Ministro Mario Giro, presente alla firma, si tratta di uno degli elementi più significativi e innovativi della riforma, il cui obiettivo è anche quello di attrarre risorse dal settore privato per la realizzazione di interventi di cooperazione. “La firma di oggi è importante perché completa il percorso dei tre vertici che si occuperanno di cooperazione” ha detto Giro.  “Abbiamo un sistema ormai integrato tra il ministero, l’Agenzia e la Cassa Depositi e Prestiti -  ha concluso il Vice Ministro - che sarà per noi uno strumento essenziale per poter accedere ai fondi europei ed avviare iniziative di blending e  partnership pubblico-privato”


23143
 Valuta questo sito