Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Slovenia. Alfano incontra il collega Erjavec: “Lubiana nostro partner privilegiato a livello bilaterale e nel più ampio contesto europeo e internazionale”

Data:

10/10/2017


Italia-Slovenia. Alfano incontra il collega Erjavec: “Lubiana nostro partner privilegiato a livello bilaterale e nel più ampio contesto europeo e internazionale”

slovenia

 

“Italia e Slovenia vantano eccellenti relazioni bilaterali ad ogni livello. Il nostro Paese è uno dei primi partner commerciali della Slovenia, il nostro dialogo politico è solido e rafforzato da diversi strumenti di cooperazione intergovernativa e i nostri legami culturali sono favoriti dalle nostre minoranze autoctone”: così il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, al suo collega sloveno, Karl Erjavec, nell’incontro bilaterale tenutosi a Brdo, nel quadro della sesta sessione del Comitato di Coordinamento dei ministri della Repubblica di Slovenia e della Repubblica Italiana.

“La Slovenia é un nostro partner privilegiato non soltanto dal punto di vista bilaterale, ma anche nel più ampio contesto europeo ed internazionale. I nostri Paesi condividono infatti simili posizioni su importanti dossier. E’ in questo spirito di profonda amicizia e comune interesse che vogliamo proseguire, rafforzando la nostra collaborazione con Lubiana”, ha proseguito Alfano.

Durante il colloquio, si e' parlato pure dell’ulteriore rafforzamento dei legami economici, della candidatura di Milano per l’Agenzia europea per i medicinali e la cooperazione bilaterale in ambito europeo, anche in vista del rilancio del progetto di integrazione.

I due ministri degli Affari Esteri hanno infine parlato della minoranza slovena in Italia e della minoranza italiana in Slovenia. Per il capo della Farnesina esse “sono una risorsa importante nelle relazioni bilaterali tra i nostri  Paesi, non solo per favorire il dialogo culturale, ma anche per favorire la crescita economica dell’area”.


25568
 Valuta questo sito