Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La Farnesina ha disposto un finanziamento di 2.5 milioni di euro a sostegno delle attività dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) in Niger e in Egitto

Data:

04/10/2018


La Farnesina ha disposto un finanziamento di 2.5 milioni di euro a sostegno delle attività dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) in Niger e in Egitto

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, attraverso il Fondo Africa, ha disposto un finanziamento complessivo di 2.5 milioni di euro a sostegno delle attività dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) in Niger e in Egitto. Il progetto “Direct Assistance to Abandoned Migrants”, del valore di 1.5 milioni di euro, mira a rafforzare la presenza dell’OIM nelle regioni nord-occidentali del Niger al confine con l’Algeria per prestare soccorso ai migranti, fornire prima assistenza e sostegno al rimpatrio volontario verso i Paesi di origine. Il progetto “Support and Increase Healthcare Access for migrants and vulnerable Egyptian host community members”, finanziato per un milione di euro, intende migliorare l’accesso all’assistenza medica per i migranti e le comunità egiziane ospitanti particolarmente vulnerabili attraverso il rafforzamento delle capacità operative dell’OIM nel Paese.

L’OIM, Agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni, opera nei principali Paesi di origine e transito dei migranti per consentire una gestione sicura, ordinata e regolare dei fenomeni migratori. In Niger, grazie al sostegno dell’Italia, l’OIM ha assistito dal 2017 ad oggi oltre 15.000 migranti irregolari a fare ritorno su base volontaria nei propri Paesi di origine in condizioni di dignità, sicurezza e rispetto dei diritti umani. In Egitto, paese di origine, transito e destinazione di ingenti flussi migratori, l’OIM è impegnata nel fornire prima assistenza e cure mediche di base con particolare attenzione alle categorie più vulnerabili quali i minori non accompagnati e le vittime di tratta.


27324
 Valuta questo sito