Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Riunione conclusiva dello Scientific Advisory Board delle Nazioni Unite

Data:

24/05/2016


Riunione conclusiva dello Scientific Advisory Board delle Nazioni Unite

È in corso a Trieste, dal 24 al 25 maggio, la V riunione dello United Nations Scientific Advisory Board (UN SAB), organismo istituito dal Segretario Generale ONU, Ban Ki-Moon, per rafforzare la consapevolezza dei legami tra ricerca scientifica e sviluppo sostenibile.

L’evento si tiene per la prima volta in Italia e vede riuniti i 25 eminenti scienziati che fanno parte del Comitato: tra questi Fabiola Gianotti, fisica italiana di fama mondiale e Direttore del CERN di Ginevra. Partecipa, per conto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Direttore Generale per la promozione del sistema paese, Enzo De Luca.

"Per la prima volta l'Italia ospita a Trieste il Comitato scientifico dell'Onu (UNSAB) perché l'esperienza del Polo scientifico giuliano, che concentra su di se eccellenze scientifiche italiane e mondiali, oltre a investimenti ad alto valore aggiunto nella formazione e nella innovazione, costituisca un caso di riferimento per l'Agenda mondiale per lo sviluppo e per la lotta ai cambiamenti climatici” ha sottolineato De Luca. “E' vero motivo di orgoglio per il nostro Paese” ha aggiunto “essere tra i primi ad aver colto il ruolo fundamentale della formazione avanzata, della ricerca scientifica e della innovazione tecnologica per lo sviluppo sostenibile e la riduzione delle diseguaglianze."

Il Comitato è parte della strategia ONU di impiego della scienza per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. E favorire l’integrazione del progresso scientifico nel programma di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU, che individua in una prospettiva di sostenibilità gli impegni che tutti i Paesi dovranno assumere entro il 2030 per eradicare dal mondo la povertà e si fonda sul trasferimento di tecnologie verso i Paesi in via di sviluppo - in linea con gli esiti della Conferenza sul finanziamento allo sviluppo di Addis Abeba del 2015.

Italia e UNESCO collaborano da tempo per promuovere la ricerca scientifica nei PVS: per valorizzare questo impegno, abbiamo concordato di tenere la riunione a Trieste, città sede di un polo internazionale di eccellenza scientifica, aperto agli scienziati dei PVS, che mira alla disseminazione di scienza, tecnologia innovazione.

I costi della riunione saranno coperti dalle Organizzazioni internazionali del polo triestino (Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics-ICTP; The World Academy of Sciences-TWAS; International Centre for Genetic Engineering-ICGEB; Inter Academy Partnership-IAP) - che fruiscono di finanziamenti della Farnesina del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca - e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Questa edizione 2016 sarà conclusiva dei lavori dell’UN SAB: i suoi risultati saranno portati all’attenzione del Segretario Generale ONU Ban Ki-Moon in settembre, nella fase conclusiva del suo mandato


22812
 Valuta questo sito