Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Sottosegretario Di Stefano presiede la Commissione Economica e Tecnica e le Consultazioni Politiche Italia-Mongolia

Data:

22/06/2021


 Sottosegretario Di Stefano presiede la Commissione Economica e Tecnica e le Consultazioni Politiche Italia-Mongolia

Questa mattina il Sottosegretario Manlio Di Stefano ha presieduto per parte italiana la 3^ Commissione Economica e Tecnica e le Consultazioni Politiche Italia-Mongolia. Per parte mongola erano presenti in videoconferenza il Ministro dell’Agricoltura e dell’Industria Leggera Mendsaikhan e il Vice Ministro degli Affari Esteri Munkhjin.

“Inevitabilmente la pandemia che ha colpito il globo ha impattato anche sugli scambi tra Italia e Mongolia, ma la grande complementarietà tra i nostri sistemi produttivi ci permette di guardare al futuro dei rapporti bilaterali con ottimismo”- ha dichiarato il Sottosegretario in apertura. “Con la Mongolia abbiamo infatti importanti collaborazioni in corso: agroindustria, energia, infrastrutture, tessile, conciario, collaborazione inter-universitaria, nel campo dell’archeologia e della ricerca.”

Al termine della Commissione Economica e Tecnica il Sottosegretario Di Stefano ha firmato con la controparte mongola un Comunicato Congiunto sulla collaborazione che fa stato dei concreti risultati sin qui raggiunti e fornisce una roadmap per lo sviluppo dei rapporti tra i due Paesi nel prossimo futuro.

“Vediamo un ampio margine di sviluppo in considerazione delle potenzialità di questo vasto Paese, dei suoi spazi e delle sue risorse. Crediamo che, anche grazie alla collaborazione bilaterale, possiamo contribuire all’utilizzo responsabile delle risorse e alla transizione verso fonti di energia sostenibili, dando un contributo importante anche alla tutela dell’ambiente” - ha concluso il Sottosegretario. Le interconnesse tematiche energetico-ambientali sono state altresì affrontate negli interventi dei rappresentanti di ICE, CNR e SACE.


42270
 Valuta questo sito