Tutela del Patrimonio Culturale
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Tutela del Patrimonio Culturale

Data:

06/10/2016


Tutela del Patrimonio Culturale

È stata inaugurata oggi al Colosseo la mostra “Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira”, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni e del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini.

L’esposizione, che ha il patrocinio dell’Unesco, è ideata e curata da Francesco Rutelli e Paolo Matthiae, con il sostegno dell’Associazione Incontro di Civiltà e il sostegno della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo. La mostra è promossa e realizzata dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’Area archeologica centrale di Roma, con Electa.

"La tutela del patrimonio archeologico è uno dei modi di difendere il pluralismo e questa mostra straordinaria che è oggi al Colosseo ne è una dimostrazione pratica", ha fatto presente Gentiloni. Si tratta "di un'azione molto importante sul piano politico e diplomatico, se si tiene conto che i responsabili del patrimonio culturale siriano hanno acconsentito che l'Italia restauri le opere danneggiate".

Dal 7 ottobre all’11 dicembre, grazie al lavoro specializzato svolto da tre aziende italiane, rivivono al Colosseo a grandezza naturale tre monumenti del Vicino Oriente distrutti dalle guerre e dalla furia iconoclasta: il Toro di Nimrud, il Tempio di Bel a Palmira e il Palazzo di Ebla. Tutta la lavorazione è stata eseguita sotto la guida di un comitato scientifico di archeologi e storici dell’arte. La mostra si completa con una video installazione firmata da Studio Azzurro, che contribuisce a immergere lo spettatore nell’atmosfera assolata di Siria e Iraq.

 


23509
 Valuta questo sito