Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

UNGA. Italia organizza evento sui network di donne mediatrici Alfano: “Le donne devono essere protagoniste dei processi di mediazione”

Data:

21/09/2017


UNGA. Italia organizza evento sui network di donne mediatrici Alfano: “Le donne devono essere protagoniste dei processi di mediazione”

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha partecipato all’evento “Women Mediators Networks: From Paper to Practice. How to strengthen synergies and complementarities for greater efficiency and impact”, organizzato dall’Italia – con la co-sponsorizzazione di UNWOMEN, dell’Unione Africana e dell’Albania – a margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, a New York.

L’incontro ha consentito di riflettere sulle opportunità, le prospettive e le potenziali sfide delle reti di donne mediatrici nel contribuire ad iniziative di pace inclusive e sostenibili. In particolare, si è discusso del contributo che i network di donne mediatrici possono fornire agli Stati, alle organizzazioni regionali e alle Nazioni Unite nei processi di mediazione, prevenzione dei conflitti e processi di riconciliazione post-conflitto.

“Riconosciamo che le donne devono essere protagoniste nel Mediterraneo. Ecco perchè il 26 ottobre lanceremo, a Roma, un’iniziativa nell’ambito del nostro mandato in Consiglio di Sicurezza: il Mediterranean Women Mediators Network”, ha annunciato il ministro Alfano, intervenendo all’evento. “L’Italia intende mantenere il focus sull’uguaglianza e l’empowerment femminile. Rimane ancora molto da fare: sono ancora troppo poche le donne coinvolte nei processi di mediazione. Ogni azione conta: per esempio, apprezzo molto i recenti provvedimenti del Presidente della Tunisia, che hanno finalmente abolito le discriminazioni di genere sui matrimoni interreligiosi. Contemporaneamente, occorre sottolineare che le donne sono potenti agenti di pace e sicurezza: uno sforzo comunicativo che l’Italia ha già sostenuto come membro del Consiglio di Sicurezza e Presidente del G7”, ha aggiunto il titolare della Farnesina.

“I Women Mediation Networks possono permetterci di pensare più strategicamente su come costruire ponti tra i diversi attori coinvolti; e contemporaneamente contribuiscono a far sì che le donne raggiungono posizioni di vertice nel processo di mediazione”, ha detto Alfano.

“Sottolineo con orgoglio che il vertice della diplomazia italiana, il Segretario Generale della Farnesina, è una donna: l’Ambasciatore Elisabetta Belloni”, ha concluso il ministro.


25466
 Valuta questo sito