Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La Farnesina al Festival della Scienza di Genova

Data:

24/10/2019


La Farnesina al Festival della Scienza di Genova

Città viventi, batterie del futuro e meraviglie dei microsensori: questi i temi scelti dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per la sua partecipazione al Festival della Scienza 2019, la kermesse di divulgazione scientifica che si tiene a Genova dal 24 ottobre al 4 novembre. Una partecipazione che si iscrive nell’ambito dell’azione della diplomazia scientifica italiana e degli Addetti Scientifici italiani all’estero e si rinnova ogni anno, coinvolgendo nella manifestazione esperti internazionali e scienziati italiani di rilievo.

Si parte sabato 26 ottobre con la conferenza “La città diventa biomimetica. Evoluzione e futuro della smart city”. Secondo  Roberto Pagani, Addetto Scientifico italiano a Shanghai e moderatore della conferenza, “ci sono enormi e interessantissimi spazi per cambiare il modo di progettare le città studiando la natura”. “La biomimetica  - insiste - è la visione della città come organismo vivente;  costituisce una delle più innovative frontiere per lo studio della smart city”. Alla conferenza Interverrano Zhang Yu, dell’Harbin Institute of Technology, l'architetto Luciano Pia, Jean-Marc Tulliani e Lorenzo Matteoli del Politecnico di Torino. 

Venerdì 1 novembre si parlerà, invece, di Batterie Litio-ione, presente e futuro”, un tema di attualità e interesse tecnologico, visto anche il premio Nobel per la Chimica 2019 assegnato a tre importanti ricercatori in questo settore. A moderare l’evento sarà Giuditta Perozzi, esperto scientifico del MAECI. Interverranno Silvia Bodoardo del Politecnico di Torino e Elie Paillard del Helmholtz Institute di Muenster in Germania, entrambi partners del progetto bandiera Battery 2030+ della Commissione europea. I relatori illustreranno come è fatta una batteria litio-ione, le differenze con le batterie a stato solido e quelle del futuro. 

Per l'intera durata del Festival si terrà, infine il laboratorio “Movimenti alla Microscala – Nel mondo dei dispositivi microelettromeccanici” organizzato da Luca Pellegrino del CNR-SPIN, responsabile del progetto “Attuatori allo Stato Solido per Micro/Nanorobotica”, finanziato dal MAECI nell’ambito del Protocollo Esecutivo Italia-Giappone 2017-19. Il Laboratorio permetterà di entrare in contatto con sensori meccanici miniaturizzati e dispositivi in grado di applicare forze e produrre movimenti alla scala micro e nanoscopica all’interno di molti oggetti di uso quotidiano, come i telefoni cellulari. Si potrà così studiare la produzione di questi dispositivi, scoprendo le tecnologie usate per la loro fabbricazione.


28936
 Valuta questo sito