La candidatura italiana al Consiglio Diritti Umani dell’ONU
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La candidatura italiana al Consiglio Diritti Umani dell’ONU

Data:

05/09/2018


La candidatura italiana al Consiglio Diritti Umani dell’ONU

Sarà la nuova Rappresentante Permanente dell’Italia all’Onu a New York, l’Ambasciatrice Mariangela Zappia, a rispondere alle domande della società civile sulla candidatura dell’Italia al Consiglio Diritti Umani per il triennio 2019-2021.

I 18 paesi che si candidano, per il mandato 2019-2021, all’ingresso nel consesso elettivo più prestigioso dell’Onu dopo il Consiglio di Sicurezza, presenteranno le loro linee di azione a favore della tutela e della promozione dei diritti umani e delle libertà fondamentali. L’evento sarà moderato dall’Assistente del Segretario Generale (UN Assistant Secretary-General) per i diritti umani, Andrew Gilmour.

L’Italia è già stata membro del Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite  per due mandati (2007-2010 e 2011-2014) ed ha presentato il suo documento di impegni nel caso in cui sarà eletta in ottobre dall’Assemblea Generale tra i 47 stati che fanno parte del Consiglio. Tra i temi prioritari figurano: la lotta contro ogni forma di discriminazione, i diritti delle donne e dei bambini, la moratoria universale della pena di morte, la libertà di religione o credo e la protezione delle minoranze religiose, la lotta contro la tratta di esseri umani, i diritti delle persone con disabilità, la protezione del patrimonio culturale e religioso, i difensori dei diritti umani.

La presentazione odierna, che sarà trasmessa in streaming dalla tv dell’Onu, verrà replicata a Ginevra l’11 settembre.


27180
 Valuta questo sito