Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Del Re a VIII Conferenza Ministeriale del Dialogo 5+5 Marrakech

Data:

02/03/2020


Del Re a VIII Conferenza Ministeriale del Dialogo 5+5 Marrakech

La Vice Ministra Emanuela Del Re ha partecipato oggi alla VIII Conferenza Ministeriale del Dialogo 5+5 in tema di Migrazioni e Sviluppo a Marrakech, insieme ai Ministri degli Esteri di Francia, Spagna, Portogallo, Malta e l’Alto Rappresentante UE Josep Borrell per la sponda Nord del Mediterraneo e a rappresentanti di Marocco, Mauritania, Libia, Algeria e Tunisia per la sponda Sud.

La Conferenza è stata un’utile occasione per riaffermare il sostegno dell’Italia ad un approccio onnicomprensivo ed equilibrato nei confronti del fenomeno delle migrazioni, che armonizzi la mobilità con la lotta ai trafficanti, integrando le diverse dimensioni della sicurezza e dello sviluppo socio-economico. “L’Italia sostiene ogni meccanismo multilaterale deputato a migliorare la gestione delle migrazioni: dobbiamo rafforzare il Piano d’azione della Valletta e sostenere il Global Compact sui rifugiati” ha dichiarato la Vice Ministra.

La Vice Ministra Del Re ha poi citato la progressiva normalizzazione dei flussi migratori nel Mediterraneo centro-occidentale quale esempio virtuoso di cooperazione tra le due sponde del Mediterraneo. “E’ ora di rinforzare tale cooperazione, sia in mare che nei Paesi di origine e transito, creando le condizioni perché le persone non debbano lasciare i loro paesi in modo irregolare. L’Italia ha fatto e continuerà a fare la propria parte non solo con il Fondo per l’Africa (rinominato Fondo per le migrazioni), finanziato con 226 milioni di euro in 3 anni, e tramite il sostegno al Trust Fund dell’Unione Europea per l’Africa, di cui siamo il secondo Paese contributore, ma anche puntando sulla valorizzazione delle diaspore africane in Italia, che fungono da ponte tra Paese di origine e Paese destinazione e da veicolo per lo sviluppo economico e sociale di entrambi”.


38874
 Valuta questo sito