Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

IIC Toronto: un webinar su Raffaello e Paolo Veronese

Data:

14/08/2020


IIC Toronto: un webinar su Raffaello e Paolo Veronese

L'Istituto Italiano di Cultura di Toronto, in collaborazione con gli Istituti Italiani di Cultura di Chicago, Los Angeles, Montreal, New York, San Francisco e Washington D.C., presenta On the Footsteps of the Genius: Raphael and Paolo Veronese (Sulle orme del genio: Raffaello e Paolo Veronese), una conferenza online di Thomas Dalla Costa, Curatorial Fellow della National Gallery di Londra.

In questa presentazione, Dalla Costa illustrerà le numerose somiglianze tra Paolo Veronese e Raffaello, non solo in termini di stile e composizione, ma anche in termini di eloquenza visiva, intelligenza grafica e pratica del laboratorio.

Raffaello (Urbino, 1483 - Roma, 1520) è senza dubbio uno degli artisti più influenti di tutti i tempi. La sua arte è stata ampiamente acclamata dai suoi contemporanei per la chiarezza delle sue forme, la facilità di composizione, la delicata maneggevolezza, la tavolozza ricca e brillante e l'abilità nel rappresentare un mondo ideale di grazia e perfezione. Sebbene sia morto prematuramente, come esempio di classicismo Raffaello ha dominato la tradizione accademica della pittura europea fino alla metà del 19° secolo.

Paolo Veronese (Verona, 1528 - Venezia, 1588) nacque dopo la morte di Raffaello a Verona, una città che era nel dominio veneziano. Influenzato da Parmigianino, Raffaello e Michelangelo, le sue prime opere sono composte in modo elaborato, negoziando equamente luce e spazio. Più tardi, l'arte di Paolo Veronese è diventata emblematica degli splendori della Venezia rinascimentale, anche se si potrebbe sostenere che il suo stile non è per antonomasia "veneziano". Le sue composizioni affollate ma sapientemente organizzate, combinano una postura elegante, un gesto eloquente e fondali architettonici classici, ricchezza di dettagli e ricchezza pittorica che ricordano quelle di Raffaello. Veronese, spesso impiegato come pittore di affreschi, occasionalmente progettava composizioni architettoniche e conduceva una bottega ampia e ben organizzata: questi tratti possono suggerire un confronto ancora più stretto tra Veronese e il genio del centro Italia.

La conferenza – in lingua inglese - si terrà giovedì 20 agosto alle ore 12 di Toronto (le 18 in Italia) su Zoom. Per registrarsi cliccare qui.

 

dalla costa

 

THOMAS DALLA COSTA

Thomas Dalla Costa ha completato il suo dottorato di ricerca presso l'Università di Verona nel giugno 2012, con una tesi su Paolo Veronese e l'organizzazione della sua bottega. È stato membro dell'Istituto olandese di storia dell'arte a Firenze (NIKI) e della Fondazione Ermitage Italia a Ferrara. Nel 2014 è stato Assistente Curatore per la mostra Paolo Veronese. L’illusione della realtà (tenutasi a Verona, luglio-ottobre 2014), una posizione supportata dalla Wolfgang Ratjen Foundation (Vaduz, Liechtenstein).

Nel 2015, Dalla Costa è stato ricercatore presso l'Università di Verona, con un progetto sulla serie di Venere e Adone di Tiziano. Il risultato di questa ricerca è stato recentemente pubblicato su "Venere e Adone" di Tiziano: arte, cultura e società tra Venezia e l'Europa (Venezia, Marsilio editori, 2019). Nel settembre 2016 è stato nominato Research Fellow per Save Venice Inc., per il quale ha curato una guida su Jacopo Tintoretto (Venezia, Marsilio editori, 2018). Nel 2017 ha co-curato la mostra Venezia Rinascimento: Tiziano, Tintoretto, Veronese (Mosca, Museo d'arte Pushkin, giugno-agosto 2018). Ha pubblicato numerosi articoli su Tiziano, Tintoretto, Veronese e la sua bottega. Ha un forte interesse per il processo creativo degli artisti e per il ruolo chiave dei disegni nelle boteghe del Rinascimento veneziano. Membro dell'Accademia Roveretana degli Agiati dal 2018, nel febbraio 2019 Thomas è stato nominato Harry M. Weinrebe Curatorial Fellow alla National Gallery di Londra, dove ha recentemente assistito il Curatore della mostra Titian. Love, Desire, Death (marzo 2020-gennaio 2021), per la quale ha anche contribuito al catalogo.


39925
 Valuta questo sito