Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Zambia: "Raffaello, dietro le quinte"

Data:

17/02/2021


 Zambia:

“Raffaello, dietro le quinte” è il webinar dedicato all’artista Raffaello Sanzio, che l’Ambasciata d’Italia a Lusaka organizza per domani 18 febbraio alle ore 16 (le 15 in Italia) per ricordare il grande maestro in occasione dei cinquecento anni dalla sua morte. Durante il webinar, il professor Costantino D’Orazio, storico dell’arte presso la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, mediante un racconto avvincente e coinvolgente, condurrà per mano i partecipanti all’interno della vita e delle opere di Raffaello, negli appartamenti privati dei pontefici, alla scoperta delle logge più segrete e degli affreschi meno noti, tra le mura di ville e palazzi meravigliosi, dove il maestro di Urbino ha lasciato il suo segno inconfondibile. Ospite d’onore del webinar sarà il Ministro della Giustizia del governo zambiano, On. Given Lubinda, già Ministro degli Affari Esteri e Ministro della Cultura, che parteciperà nelle sue vesti di grande appassionato d’arte e autorevole sostenitore del rafforzamento dei legami culturali tra Italia e Zambia. 

Per partecipare presso il Centro Culturale Italo Zambiano a Lusaka prenotare il posto via mail a: ambasciata.lusaka@esteri.it.  

I posti  sono limitati per garantire le norme di sicurezza anti Covid-19.

Per registrarsi al webinar cliccare qui.

 

zambia raffaello appro

 

Affabile, raffinato, furbissimo, Raffaello Sanzio (Urbino, 1483 – Rome, 1520) è stato protagonista di una carriera fulminante, che in meno di quindici anni lo ha portato a diventare il beniamino dei più grandi pontefici del Cinquecento. L’esito straordinario delle sue opere è il frutto di una strategia ben precisa e di un talento fuori dal comune, grazie al quale l’artista riesce a sbaragliare una intera generazione di grandi maestri, prendendo il loro posto nei cantieri vaticani. 

Partito da Urbino, attraverso Perugia, Città di Castello, Siena e Firenze, assorbe lo stile e le novità di Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti ed elabora uno stile vibrante, capace di comunicare emozioni forti. Prima che con la pittura, Raffaello conquista i suoi committenti con il suo carattere e il suo fascino strepitoso. Papa Giulio II della Rovere, Papa Leone X Medici, ma anche il banchiere Agostino Chigi, l’uomo più ricco d’Europa, saranno rapiti del suo pennello straordinario e gli ordineranno capolavori che ancora oggi sono ammirati da tutti gli appassionati del mondo.

Non sapranno resistergli nemmeno le più belle donne del tempo, dalla cortigiana Imperia alla giovane Margherita Luti. Forse è lei la ragazza ritratta nella Fornarina, un dipinto ancora ricco di misteri, che non hanno trovato una soluzione.

Come rivela il biografo Giorgio Vasari, la sua è una vita vissuta sempre al di sopra delle righe, oltre qualsiasi ordinaria consuetudine.

Ha lavorato più di ogni altro artista della sua epoca, ha guadagnato molto più di tanti imprenditori, ha amato le donne più belle e non si è negato nessuno dei piaceri concessi ad un uomo. Da figlio di artigiano è diventato un perfetto cortigiano, che dalla provincia ha conquistato da solo la corte più ambita.

Appena usciti dalle celebrazioni del quinto centenario della morte di Raffaello, grazie ad un racconto avvincente e coinvolgente il Prof. Costantino D’Orazio ci conduce per mano all’interno della vita e delle opere di Raffaello, negli appartamenti privati dei pontefici, alla scoperta delle logge più segrete e degli affreschi meno noti, tra le mura di ville e palazzi meravigliosi, dove il maestro di Urbino ha lasciato il suo segno inconfondibile.

 

 

Costantino D’Orazio è storico dell’arte presso la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed è autore di due saggi dedicati a Raffaello Sanzio: “Raffaello segreto” (Sperling & Kupfer, 2015) e “Raffaello. Il giovane favoloso” (Skira, 2020). Curatore del MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma – dal 2014 al 2017, attualmente lavora presso il Museo Pietro Canonica in Villa Borghese. Collabora con l’Università Tor Vergata. Conduce la rubrica AR-Frammenti d’Arte su Rainews24, partecipa ai programmi Unomattina in Famiglia su Raiuno e Geo su Raitre.

 


41278
 Valuta questo sito