Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Artista cinese Huang Yongyu nominato Cavaliere di Gran Croce

Data:

28/05/2021


Artista cinese Huang Yongyu nominato Cavaliere di Gran Croce
L’Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Popolare Cinese Luca Ferrari ha consegnato al Maestro Huang Yongyu, artista cinese poliedrico e di eccezionale talento, l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Stella d’Italia.
 
Il Maestro Huang, già Commendatore OSI e dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, è considerato tra i più importanti artisti viventi dell’arte cinese e internazionale. Alla cerimonia era presente tra gli altri l’ex Vice Primo Ministro cinese Ma Kai. Huang Yongyu, 97 anni, si è cimentato in numerose forme e tecniche artistiche, dalla pittura alla scultura, dall’incisione alla grafica, dalla narrativa alla poesia, al teatro, alla saggistica. Lo stile pittorico di Huang Yongyu ha esercitato una fondamentale influenza per il rinnovamento della tradizione artistica cinese.
 

cina appro1
 
Coerente e coraggioso in tutto il suo lungo e non facile percorso di vita e di arte, coltiva e rinnova negli anni la sua profonda ammirazione per gli ideali rinascimentali italiani, nonché la sua sincera amicizia per l’Italia ed il suo popolo, avendo vissuto a Vinci diversi anni. 
 
‘’Con la consegna di questa alta onorificenza – ha dichiarato l’Ambasciatore Ferrari - celebriamo non solo un uomo, ma un’istituzione del mondo dell’arte cinese e internazionale, e in particolare il profondo legame tra il Maestro Huang Yongyu e l’Italia. L’Ordine della Stella d’Italia è un attestato nei confronti di chi si è impegnato nella promozione dei rapporti di amicizia e di collaborazione tra il proprio Paese e l’Italia. Dal paese di Vinci, terra natale di uno dei più grandi geni dell’umanità, il Maestro Huang è riuscito ad osservare e rappresentare un’Italia a noi cara, e dove speriamo che i cittadini cinesi possano tornare presto a viaggiare dopo la pandemia”.

42004
 Valuta questo sito