Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Indonesia, in viaggio con Dante con “Upon a desert shore”

Data:

19/05/2021


Indonesia, in viaggio con Dante con “Upon a desert shore”

Dopo l’esordio avvenuto lo scorso 4 maggio con l’uscita on line del primo episodio dal titolo “The Lost Way”, la Compagnia Instabili Vaganti prosegue la propria indagine intorno ai canti della Divina Commedia con “Upon a desert shore”, il nuovo episodio di “VideoDante # Indonesia” (Italia - Indonesia, 2021), una web serie performativa che coinvolge danzatori e artisti del teatro delle ombre balinese. La serie - promossa dall’Istituto Italiano di Cultura di Jakarta, sostenuta dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e patrocinata dal Comune di Ravenna e Viva Dante - si compone di sette episodi che sono il frutto di una collaborazione artistica a distanza tra Italia e Indonesia e si colloca, come i precedenti lavori della Compagnia, all’interno del macro progetto multidisciplinare “Beyond Borders”, vincitore del recente bando Boarding Pass Plus promosso dal MiC.

Con “VideoDante # Indonesia” la Compagnia Instabili Vaganti compie una ricerca che affonda le sue radici nella letteratura e nelle arti performative, nella danza e nel teatro, per raccontare l’universo della Divina Commedia e le sue relazioni con la filosofia e la spiritualità orientale. In questa indagine la regista Anna Dora Dorno e il performer Nicola Pianzola sono affiancati nel lavoro di ricerca e in video dagli artisti indonesiani Made Suteja, performer di danza tradizionale balinese, Kadek Budi Setiawan, performer e costruttore di teatro delle ombre e Elly Eviana, danzatrice. Le musiche originali sono firmate dal musicista e compositore Riccardo Nanni in collaborazione con diversi musicisti indonesiani.

 

 

L’episodio “Upon a desert shore” narra il momento in cui Dante, nel I Canto dell’Inferno, supera la selva e scorge un colle rischiarato dalla luce divina: il primo passo verso la redenzione. Il perfomer Nicola Pianzola ripercorre lo stato d’animo di Dante che, come un naufrago scampato alla furia del mare, da riva volge uno sguardo alle onde da cui è riuscito a salvarsi, si lascia la selva alle spalle e, dopo un breve riposo, si appresta a salire sul colle, simbolo della salvezza. Il senso di fiducia e di speranza che avvolge la narrazione è dato non solo dalla natura circostante benevola colta nel momento del tramonto, ma anche attraverso il linguaggio sperimentale della Compagnia che colloca la poesia dei canti danteschi accanto ai gesti e alle maschere delle danze tradizionali balinesi. Le riprese video sono state realizzate negli ambienti della storica Biblioteca Classense di Ravenna e nelle spiagge di Marina di Ravenna.

“Ci siamo svegliati all’alba per cogliere quel preciso momento in cui il sole sorge dalle acque e il cielo comincia a schiarirsi, appena prima di diventare giorno, proprio per cercare di cogliere un momento simbolico di speranza - afferma la Compagnia Instabili Vaganti - La notte è trascorsa e un nuovo giorno ci si para davanti, magari ugualmente difficile da affrontare, ma in ogni caso pieno di aspettative per il futuro. ”

La web serie performativa, che si può seguire attraverso i canali social della Compagnia e dell’Istituto Italiano di Cultura di Jakarta, rientra tra le iniziative proposte dalla Regione Emilia Romagna per il programma di celebrazioni del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale “Dante 700 nel Mondo”, che coinvolge la rete delle rappresentanze diplomatiche e degli Istituti Italiani di Cultura all’estero in occasione dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri.

Il duo artistico multidisciplinare Instabili Vaganti nasce nel 2004 per volontà della regista, performer e artista visiva Anna Dora Dorno e del performer, drammaturgo e film maker Nicola Pianzola e si contraddistingue per l’impegno civile e la ricerca artistica, l’innovazione nel teatro fisico, la sperimentazione nelle arti visive, performative e multimediali, nonché per la propria circuitazione mondiale. Instabili Vaganti ha presentato infatti le sue produzioni e progetti in oltre venti paesi tra Americhe, Asia, Medio Oriente ed Europa, traducendo le proprie opere in tre lingue e collezionando numerosi premi nazionali e internazionali, tra cui la nomination ai Total Theatre Awards al Festival di Edimburgo.

 

jakarta 2

 


41919
 Valuta questo sito