A Mostar il ricordo del sacrificio dei giornalisti della Rai
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

A Mostar il ricordo del sacrificio dei giornalisti della Rai

Data:

25/01/2018


A Mostar il ricordo del sacrificio dei giornalisti della Rai

La deposizione di una corona di fiori ed un momento di raccoglimento il 26 gennaio a Mostar saranno i primi appuntamenti della giornata dedicata al ricordo del sacrificio dei tre giornalisti della Rai di Trieste Marco Luchetta, Dario D’Angelo e Alessandro Sasa Ota, uccisi 28 anni fa da una granata mentre realizzavano un servizio sugli effetti della guerra sui bambini.

A organizzare la commemorazione per rinnovare il senso del loro impegno e ribadire l’importanza di una stampa libera e professionale,  l’ambasciata d’Italia in Bosnia Erzegovina in collaborazione con la città di Mostar. Sul luogo in cui la loro vita fu spezzata e dove una targa li ricorda, alle 10 ci saranno la vedova di Dario Ota  Milenka Rustia, l’ambasciatore Nicola Minasi, il sindaco della città Ljubo Beslic  e il deputato italiano Marco Bergonzi, vicino alle famiglie dei tre giornalisti.

Il ricordo proseguirà nel Municipio di Mostar con un dibattito sulla libertà di stampa e informazione, organizzato in collaborazione con la Rappresentanza dell’Osce in Bosnia Erzegovina nell’ambito della Presidenza di turno italiana per il 2018 al quale interverrà Bruce G. Berton,  capo della Missione Osce . In apertura dei lavori ci sarà la proiezione di materiale originale girato dai tre reporter il giorno della loro morte e di immagini tratte dal documentario “Per quel sorriso” della Tv pubblica croata Hrt4, a loro dedicato.

Al dibattito, aperto al pubblico,  sono stati invitati giornalisti, inviati al tempo di guerra, organizzazioni e rappresentanti dei media,  scuole, università, ONG e esponenti della società civile. Anche la  Rai seguirà l’evento con due inviati, che interverranno anche al dibattito moderato da Ena Bavčić, di Civil Rights Defenders. Tra i relatori la portavoce della locale  missione Osce  Željka Šulc,  missione che ha un ruolo di primo piano in Bosnia Erzegovina su libertà dei media, istruzione e trasparenza dei processi elettorali.


26133
 Valuta questo sito