Bosnia-Erzegovina: la Cooperazione italiana impegnata per il recupero dei siti archeologici
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Bosnia-Erzegovina: la Cooperazione italiana impegnata per il recupero dei siti archeologici

Data:

07/05/2018


Bosnia-Erzegovina: la Cooperazione italiana impegnata per il recupero dei siti archeologici

Fondi per recupero siti archeologici per ricreare offerta turistica nel paese.

Un finanziamento di 1 milione di euro della Cooperazione allo Sviluppo a favore di UNDP per un intervento archeologico in Bosnia-Erzegovina volto a salvaguardare il tracciato  dell’antica Via Dinarica e dell’area naturale circostante. L’obiettivo è di incentivare il turismo sostenibile - basato sulle bellezze naturali, i prodotti tradizionali e il patrimonio culturale -  e far ripartire lo sviluppo economico della regione, creando nuove opportunità lavorative.

Ciò che ci si prefigge, in una prospettiva di medio periodo, è la rinascita di un vero e proprio tessuto economico-sociale in un’area dove le ferite della guerra del 1992-1995 ancora  faticano a rimarginarsi. Lo sviluppo del territorio appare, dunque, come passaggio necessario per arrivare ad una sempre maggiore stabilità e pacifica convivenza interetnica.


26769
 Valuta questo sito