Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Celebrazioni dei 90 anni dalla Firma Patti Lateranensi

Data:

12/02/2019


Celebrazioni dei  90 anni dalla Firma Patti Lateranensi

L’11 febbraio 1929 nella “Sala della Conciliazione” all’interno del Palazzo Apostolico del Laterano vennero firmati i Patti Lateranensi con cui si stabilirono relazioni bilaterali tra l’Italia e la Santa Sede, e  mentre si assicurava “alla Santa Sede in modo stabile una condizione di fatto e di diritto, la quale le garantisca l’assoluta indipendenza per l’adempimento della Sua alta missione nel mondo”  nacque ufficialmente lo Stato della Città del Vaticano.

Per celebrare il novantesimo anniversario di tale ricorrenza e il 35° della firma della modifica del Concordato del 1984 quest’anno, oltre al tradizionale incontro ad alto livello tra le massime autorità della Repubblica italiana e della Santa Sede, l’Ambasciata d’Italia presso la Santa sede  ha previsto un ricco calendario di iniziative.

Su proposta dell’Ambasciata, l’11 febbraio il Ministero dello Sviluppo Economico ha emesso un francobollo celebrativo del 90° (vi è stata in parallelo un’emissione congiunta delle Poste vaticane) il cui bozzetto, a cura del Centro Filatelico della Direzione Officina Carte Valori e Produzioni Tradizionali dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, riproduce la Sala della Conciliazione.

Grazie al sostegno di Banco BPM è stato poi pubblicato in questi giorni il volume d’arte “Palazzo Borromeo, L’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede” a cura di Daria Borghese e Pietro Sebastiani, edito per i tipi di Allemandi 2019, con i messaggi di  prefazione del Signor Presidente della Repubblica, del Cardinale Segretario di Stato, del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, che ripercorre la storia del Palazzo dal punto di vista artistico e architettonico, sin dalla sua progettazione.

Tali elementi andranno ad arricchire la mostra celebrativa allestita all’interno di Palazzo Borromeo. Tra gli altri oggetti e i documenti in esposizione, per gentile concessione del Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, sarà visibile anche la copia in mosaico minuto della Madonna della seggiola di Raffaello, realizzata nel 1929 dalla Scuola Vaticana di mosaico e donata da Pio XI alla Regina Elena nel dicembre 1929 in occasione della prima visita dei Reali in Vaticano (nella cornice si riconoscono le iniziali di Pio XI).

Eccezionalmente concesso in prestito dai Musei vaticani, sarà esposto inoltre il servizio da scrittoio usato per la firma dei Patti, creato da un argentiere romano nel 1850, e normalmente conservato presso il Palazzo Apostolico Lateranense.

La mostra sarà inaugurata il 14 febbraio dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, alla presenza delle massime autorità italiane e vaticane.

Infine, sempre nella prospettiva della valorizzazione di Palazzo Borromeo nel più ampio contesto del patrimonio storico – artistico italiano, questa Ambasciata ha promosso e realizzato importanti lavori di abbellimento, restauro  e conservazione del Palazzo grazie al generoso contributo di aziende italiane e a alla sinergia tra pubblico e privato.

In particolare è stato eseguito dalla Sovrintendenza Archeologica, delle belle arti e del paesaggio del Comune di Roma il restauro dell’intera facciata prospiciente Via  Flaminia. Grazie alla sponsorizzazione tecnica della Società REAM SGR è stata realizzata una rete di smaltimento delle acque meteoriche sul tetto del Palazzo, sinora inesistente.

E’ stata infine rivista e rafforzata l’illuminotecnica esterna ed interna delle sale di Palazzo Borromeo ed accresciuta l’efficienza energetica grazie al sostegno di Enel X.


27876
 Valuta questo sito