Giordania, inaugurazione della diga di Al Lajjoun
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Giordania, inaugurazione della diga di Al Lajjoun

Data:

12/03/2018


Giordania, inaugurazione della diga di Al Lajjoun

È stata inaugurata, alla presenza del Ministro giordano dell’Acqua e dell’irrigazione Ali Al- Ghezawi e dell’Ambasciatore Italiano in Giordania Giovanni Brauzzi, la diga di Al Lajjoun nel governatorato di Kerak, al sud della Giordania. Il progetto ha l’obiettivo di sfruttare e le risorse idriche a beneficio delle attività agricole e di allevamento nell’area di Kerak. La portata della diga è 1 milione di metri cubi; l’altezza del manufatto è di 27,7 metri.

Il progetto si colloca nell’ambito dell’impegno dell’Italia a sostenere gli sforzi della Giordania per migliorare la situazione idrico-sanitaria del Paese ed è stato finanziato nel quadro dell’Accordo per la conversione del debito (debt swap) dal valore di 16 milioni di euro firmato dai due Governi il 22 maggio 2011. L’accordo punta a favorire il trasferimento di competenze e tecnologie in settori-chiave come quelli della gestione delle acque e della salute pubblica.

In questo contesto, il 14 marzo 2016 il comitato di gestione congiunto del programma di Conversione del Debito ha approvato il finanziamento di due progetti: quello per la Diga di Al Lajjoun, nel Governatorato di Kerak, di un valore complessivo di 6,2 milioni di dinari giordani (corrispondenti a circa 7,2 milioni di euro), e il secondo consistente nell’utilizzo di residui fondi per circa 7,5 milioni di dinari giordani (corrispondenti a circa 8,7 milioni di euro), per cofinanziare l’ampliamento di una diga esistente ad Al Waleh, nel Governatorato di Madaba, da 9 a 25 milioni di metri cubi d’acqua.

Con la conclusione di questi progetti si pongono le premesse per una seconda fase del programma, volta a dare seguito agli impegni assunti dall’Italia alla Conferenza dei Donatori di Londra del 4 febbraio 2016, che prevedono anche 50 milioni di euro da impegnare per ulteriori programmi di conversione del debito da negoziare a livello bilaterale tra Italia, da una parte, e Giordania e Libano dall’altra.


26303
 Valuta questo sito