Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il Quartetto Mediterraneo ad Amman

Data:

26/04/2018


Il Quartetto Mediterraneo ad Amman

Un vivo successo di pubblico ha accolto ad Amman il concerto del “Quartetto Mediterraneo”, formazione cameristica formata dai violinisti Luca Marziali ed Edoardo De Angelis, dal violista Roberto Molinelli e dal violoncellista Roberto Trainini, affermati concertisti e docenti di Conservatorio che, su iniziativa del Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, Prof. Paolo Sabbatini, hanno illustrato musicalmente gli storici legami culturali tra le due sponde del Mediterraneo, nello spirito che anima il Programma culturale annuale “Italia, Culture, Mediterraneo” promosso dalla rete diplomatica italiana.

Il concerto ha proposto al pubblico giordano una selezione di brani di Verdi, Puccini e Respighi. Di rilievo l’esecuzione di “Al delta della conoscenza”, composizione originale del maestro Molinelli, scritta appositamente per il Cairo come omaggio alle civiltà e alle culture millenarie sorte dal Nilo, seguita da una fantasia su motivi di Rossini, in occasione del 150° anniversario dalla scomparsa del Pesarese. La serata si è quindi sviluppata in un omaggio alla cultura mediorientale, con una fantasia sulla nota canzone “Aatini el nay wa ghanni” della cantante libanese Fairouz.

Una vera sorpresa è stata la prima assoluta di un’opera appositamente commissionata per questo concerto, la “Fantasy from the Jerusalem Symphony” di Roberto Molinelli, tratta dall’omonima partitura orchestrale dell’autore giordano, di origine palestinese, Youssef Khasho (1927-1997). Della partitura non resta purtroppo traccia e il maestro Molinelli ha quindi recuperato da una registrazione i motivi principali della Sinfonia per creare una sintesi, definita dalla figlia dell’autore, Josephine Khasho Gammoh, “commovente ed intimamente vicina alle intenzioni” del padre.

Presenti tra il pubblico la Principessa Dana Firas, Presidente del Petra National Trust, i Ministri della Cultura, Nabih Shuqum, e delle Antichità e Turismo, Lina Annab, assieme al Nunzio Apostolico Mons. Alberto Ortega, numerosi Ambasciatori e rappresentanti del mondo della cultura, della stampa e dell’impresa, inclusi numerosi sponsor che hanno contribuito al programma “Italia, Culture, Mediterraneo”. A conferma dell’attenzione per la cultura italiana in Giordania, il concerto del pianista italiano Antonio Di Cristofano, che si terrà il prossimo 9 maggio nell’ambito dell’“Amman Piano Festival”.


26730
 Valuta questo sito