Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La Cappella degli Scrovegni a Zagabria grazie alla tecnologia

Data:

08/11/2018


La Cappella degli Scrovegni a Zagabria grazie alla tecnologia

Uno tra i maggiori capolavori dell'arte occidentale, la cappella degli Scrovegni, resa fruibile grazie all’ uso delle più avanzate tecnologie. Ha aperto i battenti a Zagabria, presso la Galleria del Museo Archeologico, la mostra ‘Magister Giotto- la cappella degli Scrovegni' prodotta da Cose Belle d'Italia Media Entertainment e realizzata dall’ Istituto di Cultura italiano nella capitale croata. Fino al 15 gennaio i visitatori potranno così apprezzare al meglio il senso e i dettagli degli affreschi di Giotto ed allo stesso tempo un'immagine non convenzionale dell'Italia e delle nuove frontiere della fruizione artistica. 

La parte in esposizione a Zagabria è una delle sette sezioni della mostra completa 'Magister Giotto', presentata lo scorso anno a Venezia nella 'Scuola Grande della Misericordia' in occasione dei 750 anni dalla nascita dell'artista.

magister giotto

 

Ad aprire la mostra, con un indirizzo di saluto, è stato l'Ambasciatore italiano Adriano Chiodi Cianfarani. Sono poi intervenuti il direttore dell’istituto di cultura Stefania del Bravo, i rappresentanti di Cose Belle d'Italia - il direttore artistico Luca Mazzieri e il curatore Giuliano Pisani - e il Direttore del Museo Archeologico Sanijn Mihelic.

Il visitatore si trova al centro di un'installazione di grande impatto evocativo che lo accompagna in un percorso critico ed emozionale sulla figura e l'opera di Giotto, focalizzata in questo caso sugli affreschi padovani. Le immagini virtuali ad altissima definizione - proiettate su tre pareti -, sono accompagnate da una narrazione critica curata da Giuliano Pisani (affidata in italiano alla voce di Luca Zingaretti, ma fruibile anche in inglese e croato) e da un sottofondo musicale di Paolo Fresu.

magister giotto 2

Le immagini esaltano l'assoluta novità del linguaggio pittorico giottesco, che apre una nuova dimensione più vicina all'uomo e alla sua esistenza terrena, lontana dalla solenne fissità dell'arte medievale.

I volti dei personaggi - la Cappella Scrovegni è un assoluto capolavoro in questo senso - esprimono sentimenti ed emozioni forti, percepibili immediatamente da chi le osserva. Lo spazio in cui sono collocati i personaggi è, per la prima volta, prospettico: Giotto getta così le basi per quelli che saranno i parametri fondamentali dell'arte e del pensiero classico occidentale, sviluppati e perfezionati dal Rinascimento italiano: il tempo della memoria e le geometrie perfette della prospettiva, l'artificio attraverso il quale la razionalità umana domina e stabilisce un ordine nello spazio terreno.

magister giotto 3

 


27507
 Valuta questo sito