Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Ricercatori italiani in America impegnati per la longevità

Data:

31/10/2018


Ricercatori italiani in America impegnati per la longevità

La Fondazione degli scienziati italiani del Nord-America(ISSNAF), cui aderiscono oltre 4 mila dei 15 mila ricercatori italiani che operano in questa parte dell'America, ha dedicato il suo annuale congresso, che si è tenuto a Washington, sull'impatto della ricerca, dell'economia, dell'intelligenza artificiale e della robotica sulla longevità. Il congresso, ospitato nell'Ambasciata d'Italia e che ha avuto  l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è stato anche l'occasione per celebrare il decimo anno della Fondazione.

 Nell'aprire i lavori, l'Ambasciatore d'Italia a Washington, Armando Varricchio, ha sottolineato come il tema del miglioramento della qualità della vita  sia di fondamentale importanza e di attualita' a livello nazionale e internazionale. ''Si tratta di un ambito - ha detto Varricchio - nel quale l'Italia e i suoi scienziati possono vantare una straordinaria esperienza, che puo' aiutare a tagliare nuovi traguardi nelle scienze legate all'invecchiamento''. Nel ricordare, inoltre, la prossima firma dell'Accordo bilaterale di cooperazione scientifica e tecnologica, l'Ambasciatore ha posto l'accento sul ruolo chiave degli scienziati e ricercatori italiani nei settori dell'innovazione, tecnologia e ricerca in generale, e nell' ulteriore rafforzamento dei legami Italia-Stati Uniti. Il  convegno è stata anche l'occasione per la consegna dell' ''ISSNAF Lifetime Achievement Award'' al neuro-scienziato Emilio Bizzi, ricercatore e docente al Massachusetts Institute of Technology e per l'assegnazione di riconoscimenti ad altri cinque ricercatori italiani che operano in universita' e centri di ricerca del Nord America nell'ambito della ricerca sulle leucemie, le bioscienze cognitive, la matematica, la fisica, l'ingegneria, le scienze ambientali, l'astrofisica e la chimica. Infine, una tavola rotonda ha affrontato l'utilizzo delle tecnologie per un invecchiamento sano ed attivo. Messaggi di apprezzamento e incoraggiamento ai ricercatori italiani  sono arrivati dal Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, Marco Bussetti, e dal Ministro della Salute, Giulia Grillo.


27478
 Valuta questo sito