Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio intervento

Data:

19/04/2010


Dettaglio intervento

Intervento del ministro Frattini in occasione dell’iniziativa per il mediterraneo con i Presidenti delle Regioni del Mezzogiorno

(Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna)

· Vorrei anzitutto augurare a tutti il benvenuto alla Farnesina, e rivolgere in particolare ai Presidenti recentemente eletti per la prima volta il più fervido augurio di buon lavoro, nell’interesse delle proprie collettività e di tutto il nostro Paese. E vorrei dire loro –come già sanno bene i colleghi dell’Abruzzo, del Molise, della Puglia, della Sardegna, della Sicilia e della Basilicata- che io personalmente, con il Ministero degli Esteri e la nostra vasta rete di Ambasciate, Consolati ed Istituti di Cultura, saremo costantemente al vostro fianco nel quadro di una collaborazione che ho voluto sempre più stretta ed efficace.

· Il focus della nostra riunione di oggi –che sarà poi allargata a tutti gli altri Presidenti- è dunque il Mediterraneo. La scelta delle vostre Regioni per questo primo incontro non è casuale: se la vasta area del nostro Mare è da sempre una zona naturale di contatti e proiezione delle Autonomie territoriali italiane, ciò è tanto più vero per le Regioni del Mezzogiorno.

· Area di scambi commerciali, economici e culturali, di iniziative che si sviluppano sulla scia della tradizione di rapporti e consuetudini radicate, di affinità di sentire, di civiltà, di convenienze reciproche. Ma anche di nuove, e promettenti opportunità: molti dei Paesi che si affacciano sulla sponda sud del Mediterraneo presentano notevoli tassi di crescita, e quindi di mercato per le nostre esportazioni, e poi grandi prospettive di investimento, o sono essi stessi (pensate ad esempio al fondo sovrano della Libia) investitori nel nostro Paese. Da essi proviene una forte richiesta di Italia, e anche “di Italie”, con particolare attenzione alle nostre esperienze di decentramento e federalismo, per legami storici talvolta millenari, per simpatie cementate nel corso dei secoli.

· Ma il Mediterraneo è anche, per la politica estera del Governo italiano, la zona di più immediato e rilevante interesse: interesse non solo economico, ma anche di sicurezza, e quindi strategico. Che si tratti del controllo dell’emigrazione e della lotta al terrorismo, della sicurezza delle rotte marittime, degli approvvigionamenti energetici, del futuro dei rapporti arabo-israeliani, della nostra azione per la pace e la stabilità, il Mediterraneo si impone alla nostra attenzione, e vuole azione.

· Azione quindi, certo declinata al plurale, ma nell’ambito di un approccio coordinato e armonico. E’ quindi indispensabile la conoscenza di tutte le iniziative che ad esso sono rivolte. Per far sì che esse si rafforzino le une con le altre, e si iscrivano in un quadro generale di “politica estera allargata”. E’ questa una dimensione alla quale credo molto: voi sapete ad esempio quanti sforzi stiamo compiendo assieme, proprio con le Regioni, per dare vigore reciproco alle azioni estere del “centro” e dei territori, siano esse di cooperazione allo sviluppo, di promozione dell’interscambio, di supporto ai processi di pace, di aiuto umanitario, di iniziative culturali e sociali. L’Intesa per le attività internazionali che abbiamo raggiunto, ratificata dalla Conferenza Stato-Regioni nel dicembre del 2008, credo sia il migliore esempio di consapevolezza e volontà comuni: grazie ad essa, abbiamo finalmente un quadro razionale entro cui le capacità europee ed internazionali delle Regioni, ottenute a seguito della Riforma del Titolo V della Costituzione, possono esplicarsi in maniera il più possibile coordinata, e quindi efficace.

· Il Mediterraneo è dunque una grande opportunità di sviluppo per il Mezzogiorno, per la sua economia e per la sua cultura, tanto nel dare quanto nel ricevere. Ma è anche una grande sfida che richiede collaborazione, concentrazione degli sforzi, visione olistica, intelligenza delle componenti di politica internazionale; e poi rifiuto delle duplicazioni e degli sprechi, delle iniziative velleitarie o troppo frammentate, del rischio di percezioni confuse da parte dei nostri partners. Nel Mediterraneo e per il Mediterraneo si fa tanto, ma non sempre il tanto che si fa produce risultati all’altezza degli sforzi e dei mezzi impiegati. Se uniamo le energie, si ottiene molto di più. E in questo il Ministero degli Esteri può fornire un formidabile valore aggiunto, grazie non solo all’attenzione ed al supporto “dal centro”, ma soprattutto ai nostri Ambasciatori, che coordinano anche l’azione degli uffici dell’ICE all’estero, e con essi dei Consoli e dei Direttori degli Istituti di Cultura. Una rete vastissima, su cui corre una volontà rinnovata di servire tutto il “Sistema Paese”, in tutte le sue componenti pubbliche e private.

· Dobbiamo però partire dalla conoscenza condivisa di quel che si fa. E immagino che questa sia un’esigenza particolarmente sentita dai Presidenti che stanno per iniziare il proprio mandato. In questo senso vi propongo un primo risultato concreto di questo nostro incontro: un censimento delle azioni delle Regioni Meridionali e Insulari verso i Paesi e le comunità del Mediterraneo, da farsi rapidamente, per valutarle assieme nell’ambito più vasto di un “progetto Mediterraneo” condiviso tra Stato e Regioni. Un quadro condiviso delle azioni consente anche di affinare le iniziative, crearne di nuove con un impatto maggiore, evita la parcellizzazione e la sovrapposizione.

· V’è un altro aspetto della conoscenza: ciò che si fa al centro. Le azioni del Ministero degli Esteri (ma anche di altre amministrazioni centrali) nell’area sono tante, sia attraverso il processo euro-mediterraneo sia a livello bilaterale. Abbiamo ad esempio significativi programmi di aiuto allo sviluppo, ed abbiamo lanciato iniziative promettenti, come la “Biennale per il Mediterraneo”, o una maggiore e più strutturata collaborazione con le nostre Università, anch’esse attivissime nell’area, come sono certo illustrerà tra poco il Sottosegretario Scotti. Condividendo informazioni con le Regioni si crea quel quadro di conoscenza opportuno per interventi più mirati e utili. Un ruolo decisivo può qui giocare il Tavolo Permanente Governo/Regioni istituito dall’Intesa cui accennavo prima. Proporrei quindi che in quell’ambito si alimenti un’attenzione specifica appunto verso il Mediterraneo.

· L’obiettivo comune, nostro e delle Regioni, è quello di accrescere la visibilità della nostra azione, di strutturare la presenza dell’Italia e delle sue realtà al livello delle aspettative dei nostri partners mediterranei e del ruolo che possiamo e dobbiamo giocare nell’area. Il quadro di coordinamento e una più efficace azione Stato-Regioni è essenziale anche per affermare con costante incisività il nostro ruolo nell’area, evitare che altri Paesi rivieraschi con un maggiore coordinamento ma con minori titoli riescano ad occupare spazi politici, economici, culturali che dovrebbero invece essere quasi naturalmente appannaggio dell’Italia e delle sue Regioni.

· Non può sfuggire ad esempio in questo momento la complessità del Processo euro-mediterraneo che vive una fase di profonda riconsiderazione e riflessione. L’iniziativa francese dell’Unione per il Mediterraneo non sta conoscendo vita facile, e su questo vi dirà di più tra un attimo il Sottosegretario Stefania Craxi, che come sapete ha al proposito una speciale delega governativa. Dobbiamo interrogarci sul come rendere le iniziative funzionali al disegno strategico italiano e lo vogliamo e dobbiamo fare assieme alle Regioni che ne sono maggiormente interessate.

· Come sapete, ho voluto per il Ministero degli Esteri una profonda ristrutturazione, per essere all’altezza delle sfide di uno scenario mondiale del tutto nuovo e particolarmente complesso. Non più solo direzioni generali geografiche, ma anche direzioni generali che possano essere grandi “contenitori” di competenze e capacità di agire trasversali. Tra questi, una grande Direzione Generale per il Sistema Paese, che nasce dall’esperienza positiva dell’Unità Sistema Paese della Farnesina, che ha anche la responsabilità dei rapporti con le Autonomie Territoriali. La nuova Direzione Generale integrerà anche la promozione culturale: in un Paese come il nostro, economia e cultura non possono essere considerate come mondi separati, ben al contrario. E quale area geografica, se non il Mediterraneo, potrà costituire il banco di prova per un’azione veramente sinergica del Sistema Italia?


Luogo:

Roma

10275
 Valuta questo sito