Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Breve discorso dell’On. Ministro in occasione della “Conversazione pubblica con Bloomberg” – Londra 29 marzo 2017

Data:

29/03/2017


Breve discorso dell’On. Ministro in occasione della “Conversazione pubblica con Bloomberg” – Londra 29 marzo 2017

(fa fede solo il testo effettivamente pronunciato)

(COSA STA FACENDO IL GOVERNO ITALIANO PER ACCRESCERE L’ATTRATTIVITA’ DELL’ECONOMIA ITALIANA?)

Innanzitutto, è meraviglioso essere a Bloomberg e parlare delle grandi opportunità di investimento nella capitale economica dell’Italia: la città di Milano.

Per mettere le cose in prospettiva, lasciatemi sottolineare alcuni dati. L’Italia è:

  •        -      la terza (3°) maggiore economia dell’Eurozona;
  •        -      l’ottava (8°) maggiore economia del mondo; 
  •        -      il secondo (2°) produttore per competitività di macchine industriali;
  •        -      e uno dei soli cinque Paesi con una eccedenza commerciale che supera i 100 miliardi di dollari nel comparto   manifatturiero. 

Abbiamo un mercato molto attraente di 60 milioni di consumatori e una solidissima classe media. E’ questa la forza della nostra economia.

A onor del vero e per non cadere nell’autocompiacimento, gli investitori globali sono stati ossessionati dal “rischio” dell’Eurozona. Ma, da politico che crede fermamente nell’Unione Europea, permettetemi di rassicurarvi che l’Italia non lascerà mai l’Euro.

Questo non significa che le minacce non ci siano, ma sono essenzialmente connesse alle sfide politiche, piuttosto che ai fondamentali dell’economia. Tra queste: l’immigrazione e il terrorismo, che il Sistema italiano ha finora gestito bene, in un connubio di solidarietà e sicurezza.

Le recenti elezioni in Olanda e a Saarland sono incoraggianti. I principali partiti hanno buone opportunità di vincere alle elezioni anche in Germania, Francia e Italia. Ho fiducia che  il centro pro-Europeo prevarrà. E questo porterà fiducia in tutta Europa e farà tirare un sospiro di sollievo ai mercati.

Come sapete, la scorsa settimana, abbiamo celebrato il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma. Possiamo guardare con rinnovata fiducia, dopo Brexit, al progetto Europeo.

E in Italia la fiducia è l’ingrediente decisivo per la crescita: una spinta essenziale per superare quegli ostacoli che limitano l’accesso al credito di aziende e famiglie.

Il nostro Governo è fortemente pro-Euro e pro-business. Ho anche incaricato la nostra diplomazia di mettere gli scambi, gli investimenti e la prosperità al centro della sua missione.

Attrarre Investimenti Esteri Diretti rientra nella nostra Agenda di riforme. Siamo impegnati a creare un contesto smart e friendly per gli investitori esteri.

Il nostro sforzo prevede: la semplificazione della burocrazia e della “tardocrazia”, l’accelerazione dei tempi della giustizia, una legislazione del lavoro flessibile, norme fiscali chiare e semplici e tribunali delle imprese dedicati.

Nel fare la propria scelta, gli investitori farebbero bene a considerare anche la qualità della vita: l’Italia è stata giudicata il Paese più in salute dall’Indice di Salute Globale Bloomberg! Vivere e investire in Italia fa bene alla salute!

(PERCHE’ UN’AZIENDA ESTERA DOVREBBE INVESTIRE A MILANO?)

Oggi vi stiamo mostrando Milano. Perché  Milano?

Perché  vanta un’immensa comunità di aziende e uno stile di vita competitivo.

Ci sono circa ottocentomila (800.000) aziende in tutta la Lombardia. La Regione attrae costantemente la più grossa fetta di investimenti esteri diretti in Italia. E vanta un PIL più alto di quello degli altri diciassette (17) Paesi UE.

Milano è già sede della casa madre di tremila (3.000) multinazionali con duecentonovantottomila (298.000) addetti. Altro motivo per cui l’inglese qui si parla ovunque!

L’ economia di Milano si basa sulla diversità e i suoi comparti “trademark” sono: i servizi finanziari e bancari, l’ingegneria, le comunicazioni, il manufatturiero, i farmaceutici, l’energia, la ricerca applicata e, naturalmente, il design e la moda.

La Lombardia ospita il 60% delle industrie farmaceutiche italiane. Non sorprende quindi che Milano sia in lizza per diventare il nuovo quartier generale dell’Agenzia Europea del Farmaco.

Il Governo Italiano accoglie anche a braccia aperte l’investimento del Gruppo Westfield nell’area di Milano. Sarà uno dei più grandi centri commerciali d’Europa. 

 Ma c’è dell’altro oltre alle aziende. A Milano troverete servizi eccellenti:

-Il Comune e il comparto della Giustizia garantiscono servizi efficienti.

- Con lo stesso canone di affitto che paghereste a Londra, potrete permettervi spazi più ampi! E alloggi di qualità.

- A Milano potrete contare su un’ottima rete di trasporto pubblico. La metropolitana viaggia sempre in orario, ma i biglietti costano meno che a Londra!

 - A Milano c’è una rete di scuole internazionali, undici (11) università e cinque (5) accademie d’arte, con oltre 200.000 nuovi iscritti ogni anno.

E se siete sempre in movimento, Milano ha non uno, ma tre aeroporti. E una rete ferroviaria ad alta velocità che vi porterà in tutta Italia e in tutta Europa, a volte anche più in fretta che in aereo!

Come molti di voi sapranno, Milano è anche sinonimo di moda, cultura e gastronomia, che potrete esplorare a dismisura!

E, ovunque vi troverete a Milano, potrete sempre sentirvi al sicuro. Vi basti pensare che Milano ha ospitato ventidue (22) milioni di visitatori durante l’Expo 2015 senza alcun incidente di sicurezza di rilievo. Un vero record!

La diplomazia italiana si sta adoperando per sostenere Milano e  questa visione  di opportunità e prosperità.

Le aziende devono sapere che troveranno sempre aperte le porte delle nostre Ambasciate per nuovi investimenti e nuove opportunità.

Ho fiducia che Milano sarà il trampolino per il rilancio dell’economia italiana. Con questa positività, guardo ad attrarre e dare il benvenuto ai nuovi investitori.


24665
 Valuta questo sito