Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Intervento

Data:

10/12/2002


Intervento

L'anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, adottata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948, costituisce un importante momento di riflessione sulla perdurante centralità dei Diritti Umani nell’ambito dei grandi temi della vita interna ed internazionale degli Stati.

Nei 54 anni da allora trascorsi, la comunità internazionale ha saputo dotarsi di numerosi strumenti giuridici volti a dare sempre più completa applicazione ai principi della Dichiarazione Universale. Resta infatti fondamentale l'esigenza di attenuare il grave divario ancora esistente fra gli impegni assunti e le ricorrenti violazioni dei Diritti Umani di cui l'attualità internazionale è purtroppo testimone. L'introduzione di articolati ed efficaci meccanismi internazionali di verifica potrà fornire un contributo importante contro le violazioni dei Diritti Umani.

La loro tutela richiede una costante attività di ampliamento e aggiornamento della normativa esistente. L'Italia svolge oggi in materia un ruolo trainante, in particolare nei confronti di questioni quali la messa al bando della pena di morte e della tortura, la lotta alla criminalità internazionale e al traffico di esseri umani, la protezione dei diritti della Donna e del Fanciullo, l’istituzione e la messa in opera del Tribunale Penale Internazionale. Si tratta di grandi temi sui quali si registrano le più ampie convergenze nell'opinione pubblica italiana e che sono oggetto di viva attenzione e di positive iniziative da parte delle varie componenti della società civile.

Siamo persuasi che solo in un quadro di crescente affermazione e di ferma tutela dei Diritti Umani, la comunità internazionale potrà trovare le risorse e mobilitare le energie necessarie per far fronte alle grandi sfide del nostro tempo, dall'efficace reazione alle minacce del terrorismo e dell'intolleranza al perseguimento di un modello di sviluppo economico globale equilibrato e attento alle implicazioni umane, culturali e sociali.


Luogo:

Roma

5100
 Valuta questo sito