Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Intervista

Data:

20/09/2006


Intervista

Il Ministro degli Esteri italiano, D'Alema, in un'intervista esclusiva al nostro giornale, ha parlato dei negoziati per la pace in Medioriente.

"Noi (non siamo per l'unilateralismo americano) in politica estera perseguiamo una politica indipendente". Queste le sue parole per ribadire l'impegno di questo Governo nel promuovere una politica che poggi le sue basi sul multilateralismo.

L'attuale ministro degli Esteri D'Alema é il Presidente dei DS (ex partito comunista), ed é il numero due del governo di centro-sinistra di Prodi, che e' nato a maggio di quest'anno. Ricopre inoltre contemporaneamente la carica di Vice Presidente del Consiglio. É stato anche Presidente del Consiglio dal 1998 al 2000.

"L'Italia ha immediatamente deciso un aumento del contingente da impiegare in ambito UNIFIL per il monitoraggio della tregua nel conflitto nel sud del Libano ed ha sviluppato una politica estera positiva nel Medio Oriente con l'insediamento del governo Prodi."

Il Ministro ha inoltre criticato severamente le posizioni di politica estera del precedente governo Berlusconi di centro destra: "Si é mantenuto sino in fondo su una posizione filo-americana, filo-israeliana, senza raggiungere alcun risultato. L'Italia deve basare la propria politica estera sul multilateralismo, tenendo prima di tutto in considerazione l'UE e l'ONU. Non é una nuova posizione assunta d'improvviso, credo che stiamo solo tornando sulla via che avremmo dovuto percorrere fin dall'inizio".

L'Italia, alla fine di luglio, a due mesi dall'insediamento del governo Prodi, ho ospitato una conferenza dei Ministri degli Esteri tenutasi per affrontare la crisi in Libano. Alla meta' di agosto, quando e' divenuto urgente per l'Europa il rafforzamento della missione UNIFIL, l'Italia "ha avuto un ruolo di leadership" (NB si riportano nel virgolettato parole del Presidente Prodi) ed ha deciso l'invio di 2500 uomini, il contingente piu' grande dell'Unione Europea, sollecitando gli altri Paesi a fare altrettanto.

Il 7 settembre il Ministro D'Alema ha compiuto una visita in Medio Oriente incontrando il Primo Ministro israeliano Olmert e il Presidente palestinese Abbas. Per quanto riguarda la questione nucleare iraniana, ha incontrato il Segretario Generale della Conferenza per la Sicurezza Nazionale, Larjani, incaricato dei rapporti con l'estero, che ha visitato l'Italia.

Il Ministro D'Alema nell'intervista prosegue: "In politica estera si hanno molti doveri. Farsi carico di iniziative per contribuire alla pace é uno di questi".

Il Ministro ha poi concluso sottolineando la posizione privilegiata dell'Italia, che "in Medio Oriente e' in grado di dialogare con tutti, non avendo talune di quelle difficolta' che incontrano Gran Bretagna, Francia, Germania o Stati Uniti e altri Paesi".


Luogo:

Yomiuri

Autore:

Kazuki Matsuura

2832
 Valuta questo sito