Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio articolo

Data:

10/05/2009


Dettaglio articolo

Hicham è un ragazzo di 16 anni e ha un desiderio: incontrare Del Piero e stringergli la mano. «Vorrei anche fare gol a Buffon, ma così i desideri diventano due, sono troppi!». I desideri di Hicham sono la voce dei ragazzi che vivono nei 12 campi profughi palestinesi del Libano. Vivono come possono. La situazione di estremo degrado colpisce soprattutto le scuole e le strutture sportive. Potete vederli creare campi da gioco con pietre, pali di ferro e vecchie reti recuperate dall' immondizia, o costruire le palle con carta e stoffa. Per loro, la Cooperazione Italiana ha organizzato una giornata di competizioni sportive. Una mini-Olimpiade, le Palestiniadi: 350 ragazzi e ragazze, dai 12 ai 19 anni, con ai piedi scarpe vere, che non fanno male. Calcio, pallavolo, pallacanestro, 100 metri, ping-pong: e per un giorno i loro occhi hanno brillato.

IL GRAZIE AGLI ITALIANI DEL MINISTRO FRATTINI
«C'è un modo silenzioso e dignitoso di essere più italiani del solito - dice Franco Frattini, ministro degli esteri -. A far grande l'Italia contribuiscono ogni giorno migliaia di connazionali che sono impegnati in tante attività di cooperazione. Al Giro del Centenario presentiamo, grazie anche alla Gazzetta, le nostre azioni per i Paesi che conoscono ancora la povertà».


Autore:

di Carlo Laudisa

9012
 Valuta questo sito