Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

«Rotta balcanica, la Serbia paese strategico» Ambasciatore Carlo Lo Cascio (Giornale di Sicilia)

Data:

26/07/2019


«Rotta balcanica, la Serbia paese strategico» Ambasciatore Carlo Lo Cascio (Giornale di Sicilia)

«La Serbia e l'Italia collaborano strettamente, anche sul tema dell'immigrazione. Al momento la rotta balcanica è tranquilla». Ce lo dice l'ambasciatore italiano in Serbia, il palermitano Carlo Lo Cascio.

La Serbia è direttamente coinvolta in un tema caldissimo come quello dell'immigrazione: quali gli ultimi sviluppi sulla rotta balcanica?

«La situazione è oggi stabile, ma lo è stata anche nei momenti più critici, ad esempio tra la fine del 2015 e l'inizio del 2016. Attualmente non si registrano movimenti significativi, anche se vi è un monitoraggio costante. E soprattutto la Serbia è molto collaborativa. E in atto un'efficace cooperazione con l'Italia come dimostrano i frequenti contatti tra i rispettivi Ministeri dell'Interno, a livello politico e tecnico-operativo, anche sul tema del controllo delle frontiere».

La Serbia è un Paese strategico: come è oggi la situazione nel Paese?

«La Serbia rimane il Paese chiave per gli equilibri nei Balcani, un Paese che guarda sempre di più all'Ue. Non a caso l'ingresso nell'Unione è l'obiettivo strategico dichiarato del Governo serbo. La Serbia ha un'economia in forte crescita, ma deve ancora realizzare alcune importanti riforme per adeguare i propri standard a quelli comunitari. Molto è stato fatto e molto resta ancora da fare, ma la direzione intrapresa è quella giusta. La Serbia ha aperto 17 dei 35 capitoli negoziali e ha avviato alcune riforme importanti, mentre altre dovranno essere completate. Importante poi è il Dialogo tra Belgrado e Pristina, facilitato dall'Ue con l'Alto Rappresentante Mogherini».

Quale è il ruolo che può giocare l'Italia con la Serbia?

«Un ruolo sicuramente importante perché l'Italia è tra i principali investitori stranieri in Serbia, di cui è anche il secondo partner commerciale. Siamo quindi un partner di riferimento per Belgrado con cui proprio quest'anno celebriamo i 140 di relazioni diplomatiche e i dieci anni di partenariato strategico. Inoltre l'Italia continua a sostenere con convinzione il percorso europeo della Serbia e il processo di riforme intrapreso a tal fine. Il forte rapporto di amicizia che ci lega alla Serbia non ci impedisce però di sollecitare la dirigenza a fare di più, proprio perché più di altri comprendiamo il ruolo del Paese. Mi fa poi piacere ricordare che la lingua italiana e la nostra cultura sono molto apprezzate in Serbia, dove esiste un particolare trasporto verso tutto che è italiano!»

Cosa porta di siciliano nel suo essere ambasciatore?

«Nella nostra professione i contatti contano davvero molto... Direi quindi che, nel mio lavoro, di siciliano porto la capacità di dialogare con tutti e di coltivare i rapporti personali, come pure l'attenzione nei confronti degli ospiti... e poi, con mia moglie, non manchiamo di valorizzare la tradizione culinaria siciliana!»


Luogo:

Roma

Testata:

Giornale di Sicilia

28605
 Valuta questo sito