Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Curriculum Vitae et Studiorum di Cosimo Risi

 

Curriculum Vitae et Studiorum di Cosimo Risi

- Nato a Salerno il 13 aprile 1951.

- Residente in Via Marostica, 44 – 00191 Roma.

- Indirizzo di ufficio: Ministero Esteri – DGMM, Piazzale Farnesina, 00194 Roma. Telefono ufficio: 0039 0636917861; cellulare: 0039 3332704065; posta elettronica: cosimo.risi@esteri.it



FORMAZIONE

- Nel 1974 laurea in Scienze Politiche  presso l'Università di Napoli, votazione finale di 110 e lode su 110, tesi in Storia delle dottrine economiche

- Nel 1977 frequenta il corso di preparazione alla carriera diplomatica presso la Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI) di Roma.

- Nel 1986 frequenta il corso di Diritto Internazionale all’Accademia Diritto Internazionale dell’Aia.

 

CARRIERA DIPLOMATICA

- Nel 1978 entra per concorso nella carriera diplomatica del Ministero Affari Esteri.

- 1978 – 80: Segretario di Legazione alla Direzione Generale Affari Economici, Ufficio CEE, responsabile delle  politiche regionale e sociale all’interno della Comunità.

- 1980 - 83: Primo Segretario all’Ambasciata d'Italia in Kuwait, vicario del Capo Missione.

- 1983 - 87: Primo Segretario alla Rappresentanza Permanente d'Italia presso le Comunità Europee in Bruxelles, responsabile del coordinamento interno per la preparazione del COREPER prima parte, della politica ambientale e del completamento del mercato interno. 

- 1987 - 88: Consigliere di Legazione al Ministero Esteri, Direzione Generale Affari Economici, Ufficio relazioni esterne CE, responsabile dell’Uruguay Round del GATT.

- 1988 - 89 : Consigliere diplomatico del Ministro della Marina Mercantile.

- 1989 - 91: Consigliere di Legazione al Ministero Esteri, Direzione Generale Affari Economici, Vicario del Coordinatore CE, membro della delegazione italiana ai negoziati per il Trattato sull’Unione europea.

- 1991 - 95: Primo Consigliere alla Rappresentanza Permanente presso l'Unione europea in Bruxelles, responsabile del coordinamento per la partecipazione al COREPER seconda parte (“gruppo Antici”).

- 1995 - 96:  Consigliere d’Ambasciata al Ministero Esteri,  Capo Segreteria Direzione Generale Affari Economici.

- 1996 - 99: Consigliere d’Ambasciata al Ministero Esteri, Direzione Generale Affari Economici, Capo Ufficio relazioni esterne UE e OMC.

- 1999 - 2004: Primo Consigliere alla Rappresentanza Permanente presso l'Unione Europea in Bruxelles, responsabile dei negoziati per l’allargamento, la politica di vicinato, .i rapporti con Russia e Ucraina.

- 2004: Ministro Plenipotenziario al Ministero Esteri, Segreteria Generale, Vice Capo Unità Analisi e Programmazione, responsabile dei programmi di ricerca in materia europea.

- 2005: Ministro Plenipotenziario al Ministero Esteri, Direzione Generale Promozione Culturale, responsabile dei rapporti con le fondazioni a finalità culturale e della Collezione Farnesina d’arte contemporanea.

- 2006: Ministro Plenipotenziario al Ministero Esteri, Direzione Generale Mediterraneo e Medio Oriente, coordinatore del dialogo e del partenariato euromediterraneo.

 

LINGUE CONOSCIUTE

Italiano (madre lingua), francese, inglese, spagnolo.

 

ONORIFICENZE

Commendatore al merito della Repubblica Italiana; Golden Laurel Branch della Repubblica di Bulgaria per i meriti conseguiti nell’adesione della Bulgaria all’Unione europea.

 

INCARICHI ACCADEMICI E SCIENTIFICI

- 1994 – 1998: membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione Europea per la Formazione  (ETF) di Torino.

- 1996 – 2000: membro del Consiglio di amministrazione del Centro studi salernitani "Raffaele Guariglia",  Raito, Salerno.

- 1996 - 2000: membro del Comitato scientifico della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, poi Fondazione Salernitana Sichelgaita.

- Dal 2005: membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione Collegio Europeo di Parma.

- Dal 2006: membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione Anna Lindh per il dialogo fra culture e civiltà, Alessandria, Egitto.

- Dal 2006 membro del Comitato scientifico della Fondazione Mediterraneo, Napoli.

- 2006 – 2007: membro del Comitato di gestione del programma Euromed Heritage

- Dal 1984 collabora  alle attività didattiche e di ricerca  dell'Istituto di  Diritto Pubblico Generale  presso l'Università di Salerno.

- Dal 1988 insegna Relazioni internazionali al Master in diritto e politiche comunitarie, poi Diploma alti studi europei, presso il Collegio europeo di Parma .

- Dal 1993 tiene seminari di Relazioni internazionali al Master in Istituzioni e Politiche Comunitarie presso l'Università di Bologna.

- 1996 – 2002: insegna  Diritto comunitario al Master in Economia e Istituzioni nel Mezzogiorno (MEIS) di Salerno.

- 1999 – 2003 : insegna Relazioni internazionali all'Institut Supérieur du Management Public et Politique di Bruxelles.

- 1999 – 2004: docente a contratto di Organizzazione internazionale alla Facoltà di Scienze Politiche presso l’Università di Salerno.

- Dal 2004: docente a contratto di Relazioni internazionali alla Facoltà di Scienze Politiche presso l’Università di Salerno.



PUBBLICAZIONI

Libri

- Il Consiglio di Cooperazione del Golfo, in Massimo Panebianco (a cura di), Dieci anni dalla Carta dei diritti e doveri economici degli Stati, Napoli, 1986

- Le sanzioni ONU, le sanzioni CEE, in Massimo Panebianco (a cura di), La crisi del Golfo, Salerno, 1991

- Da Londra a Mosca via Napoli: il G 7 verso il G 8, in Massimo Panebianco e Gaetano De Simone (a cura di), Il G 7 e il nuovo ordine internazionale, Roma, 1994

-  Codice di Maastricht,  Roma, 1997

-  Il nuovo diritto dell'Unione europea, Napoli, 1999

- Some Reflections on the Participation of the EC in the WTO, in Paolo Mengozzi (a cura di), International Trade Law on the 50th Anniversary of the Multilateral Trade System,  Milano, 1999

- I diritti fondamentali  nella costruzione della grande Europa,  in Daniela Piattelli (a cura di), Globalizzazione ed ecumene, Salerno, 2002.

- L’azione esterna dell’Unione europea, Napoli, edizioni 2005 e 2007.


Articoli

- Gli interventi CECA nella crisi siderurgica, in Diritto comunitario e degli scambi internazionali, n. 1/1986

- Note sull’Organizzazione dei paesi arabi esportatori di petrolio, in Diritto comunitario e degli scambi internazionali, n. 3/1987

- L’Organizzazione della Conferenza islamica, in Affari Esteri, n. 79/1988

- Maghreb e Mashrak: organizzazioni arabe a confronto, in Affari Esteri, n. 84/1989

- Il Golfo fra arabismo e petrolio, in Affari Esteri, n. 89/1991

- Note sull’Unione del Maghreb Arabo, in Oriente moderno, n. 1-6/1992

- Il grande Maghreb e l’Europa, in Affari Esteri, nn. 95/1992 e 97/1992

- La politica sociale dell’Unione europea, in Affari Esteri, n. 100/1993

- La Fondazione europea per la formazione, in Informazione previdenziale, n. 5/1995

- Una strategia europea per l’occupazione, in Informazione previdenziale, n. 8/1996

- Il titolo “occupazione” nel Trattato di Amsterdam, in Informazione previdenziale, n. 7/1997

- L'Europa sociale del dopo Amsterdam, in Affari sociali internazionali, n. 1/1998

- Agenda 2000, allargamento Unione europea, spazio euromediterraneo, in Sviluppo economico, n. unico/1998

- La tutela dei diritti dell'uomo e dei gruppi umani nell'Unione europea allargata, in Affari sociali internazionali, n. 1/1999

- Il sistema di soluzione delle controversie nell'ambito dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, in Diritto comunitario e degli scambi internazionali, n. 3/1999

- Polivalenza del concetto di sussidiarietà  nell'ordinamento dell'Unione europea allargata, in Sviluppo economico,  n. 3/1999

- Sulla tutela dei diritti dell'uomo e dei "gruppi umani" nell'ordinamento europeo dopo Amsterdam, in Affari sociali internazionali, n. 1/2000.

- La politica sociale nell’epoca della e – Europe, in Affari sociali internazionali, n. 4/2000

- Profili di politica sociale e dell'occupazione nella diplomazia economica multilaterale, in  Informazione previdenziale, n. 2/2000.

- I “nuovi” diritti fondamentali alla luce della Carta dell’Unione europea, in Informazione previdenziale, n. 5/2001

- La Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, in Affari Sociali Internazionali, n. 1/2001.

- Cronologia di un decennio: da Copenaghen 1993 a Copenaghen 2002, in Europa da vicino, n. 2/2003.

- La coesione economica, sociale, territoriale dell’Europa allargata, in Informazione previdenziale, n. 4/2004.

- La Costituzione della grande Europa: coesione economica, sociale, territoriale, in Diritto comunitario e degli scambi internazionali, n. 4/2004

- Il processo continuo di allargamento dell’Unione europea, in Affari Sociali Internazionali, n. 1/2005.

- La Turchia verso l’Unione europea. Prospettive di un negoziato difficile, in Affari Sociali Internazionali, n. 3/2006.

- Il partenariato euromediterraneo, in corso di pubblicazione in Quaderni di relazioni internazionali


510
 Valuta questo sito