Documentazione
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Documentazione

 

Documentazione

Quali sono i documenti necessari per la candidatura?

La domanda deve includere il CV modello europeo in lingua inglese, l’atto di candidatura (application form), compilato in lingua inglese e Nulla Osta dell’amministrazione di appartenenza. Tali documenti vanno redatti utilizzando la modulistica disponibile in questo sito.

In che cosa consiste il Nulla Osta?  E’ necessario presentarlo insieme alla candidatura?

Il Nulla Osta dell'amministrazione di appartenenza è documento indispensabile ai fini dell'ammissibilità della candidatura e va presentato contestualmente alla stessa. Con tale documento, l'amministrazione, nel proporre la candidatura del proprio dipendente, si impegna a versare al medesimo la retribuzione mensile, compresi gli oneri previdenziali ed assicurativi, per tutto il periodo dello stage.

Sull’atto di candidatura occorre indicare la “Administration of origin”. Cosa si intende?

Nella voce “Administration of origin”, il candidato deve indicare l’amministrazione dalla quale dipende (ad es. “Ministero Affari Esteri”). Nella voce “Name of your Administration”, va,  invece, specificato il tipo di amministrazione di appartenenza (Ministero, Agenzia, Ente, Istituto, etc.).

Cosa significa la voce “Security clearance” presente sull’atto di candidatura?

Per eventuali candidature in qualità di ENFP presso il SEAE (Servizio Europeo di Azione Esterna) è necessario essere in possesso del  Nulla Osta di Sicurezza – NOS (security clearance), ossia un’abilitazione all’accesso a documenti classificati, il cui periodo di validità deve coprire l’intera durata dell’eventuale periodo di formazione professionale. E’ necessario essere già in possesso di tale abilitazione al momento di presentazione della candidatura.

Il candidato può scegliere la Direzione nella quale effettuare il periodo di formazione?

Nell’atto di candidatura (“Application form”), il candidato ha la possibilità di indicare fino ad un massimo di tre Direzioni Generali/Servizi nell’ambito delle quali desidera preferibilmente effettuare il periodo di formazione professionale. La decisione finale, sulla base della rispondenza del profilo professionale del candidato alle esigenze delle singole Direzioni Generali/Servizi entro i limiti dei posti disponibili, spetta alla Commissione che si riserva pertanto la facoltà di collocare il candidato anche in Direzioni non comprese tra quelle indicate.


745
 Valuta questo sito