Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Informazioni circa modalità e criteri per la partecipazione all'attività di monitoraggio elettorale dell'OSCE/ODIHR

 

Informazioni circa modalità e criteri per la partecipazione all'attività di monitoraggio elettorale dell'OSCE/ODIHR

L'attività di monitoraggio elettorale dell'OSCE/ODIHR

La partecipazione italiana all'attività di monitoraggio elettorale dell'OSCE/ODIHR e le modalità di presentazione della candidatura per poter partecipare come osservatore

Il monitoraggio elettorale

Requisiti obbligatori per la partecipazione

Importante: A partire da luglio 2017, tutti i candidati alle missioni di osservazione elettorale devono iscriversi al nuovo OSCE/ODIHR Election Expert Database (vedi paragrafi successivi). 

 

L'attività di monitoraggio elettorale dell'OSCE/ODIHR

Tra le attività dell'OSCE, grande rilievo ha assunto negli ultimi anni quella del monitoraggio elettorale, la cui gestione è generalmente affidata all'ODIHR (Ufficio per le Istituzioni Democratiche e i Diritti Umani), istituzione specializzata con sede a Varsavia. Compito principale è quello di fornire assistenza tecnica nell'organizzazione delle elezioni e di verificare al momento del voto il rispetto delle procedure elettorali e degli standards internazionali in materia. L'ODIHR predispone un programma annuale delle attività nel campo del monitoraggio elettorale che è consultabile nel sito web dell'Organizzazione (vedi: http://www.osce.org/odihr/elections ).

 

La partecipazione italiana all'attività di monitoraggio elettorale dell'OSCE/ODIHR e le modalità di presentazione della candidatura per poter partecipare come osservatore

A partire dal 1994, l'Italia ha fornito alle varie operazioni di monitoraggio elettorale condotte dall'OSCE/ODIHR circa 600 esperti in materia elettorale, che hanno partecipato alle missioni di osservazione o di supervisione elettorale condotte in numerosi Paesi partecipanti dell'OSCE. A questi, vanno aggiunti i finanziamenti versati dal nostro Paese per l’organizzazione di processi elettorali in Paesi non-OSCE (come per esempio le elezioni in Kosovo del novembre 2013 e quelle in Afghanistan dell’aprile 2014).

Sulla base degli impegni previsti annualmente dall'OSCE/ODIHR, il Ministero degli Affari Esteri, in funzione delle priorità di politica estera e di specifici interessi nazionali, valuta l'opportunità di partecipare alle singole missioni di monitoraggio elettorale e, tenendo conto delle risorse disponibili, decide di volta in volta se finanziare le Missioni di Osservazione Elettorale (MOE) dell’ODIHR, mettendo a disposizione di quest’ultima dei finanziamenti, in cambio dei quali l’Ufficio OSCE di Varsavia si impegna a selezionare un certo numero di osservatori italiani. Tali osservatori sono selezionati dall’ODIHR tra i candidati italiani che presentano domanda di partecipazione ad una MOE finanziata anche dall’Italia, seguendo le modalità descritte più avanti.

Nel 2014, l’Italia ha partecipato alla Missione di Monitoraggio Elettorale dell’OSCE/ODIHR per le elezioni presidenziali in Ucraina del 25 maggio 2014, con 8 osservatori di breve termine (short term observers - STO) italiani, a quella per le elezioni generali in Bosnia-Erzegovina del 12 ottobre 2014, con 1 osservatore di lungo temine (long term observer – LTO) e 3 STO, a quella per le elezioni parlamentari in Ucraina del 26 ottobre 2014, con 2 LTO e 9 STO, e a quella per elezioni parlamentari in Moldova del 30 novembre 2014 con 6 STO. Tutti gli osservatori italiani che hanno partecipato a queste Missioni di osservazione elettorale sono stati selezionati dall’ODIHR.

Nel 2015, l’Italia ha partecipato alle Missioni di Osservazione Elettorale ODIHR per le elezioni amministrative in Albania del 21 giugno, con 1 LTO e 3 STO, a quella per le elezioni presidenziali in Bielorussia dell’11 ottobre, con 6 STO, e a quella per le elezioni amministrative in Ucraina del 25 ottobre (che hanno avuto un secondo turno il 15 novembre) con 2 LTO e 9 STO.

Nel 2016, abbiamo partecipato alle Missioni di osservazione elettorale ODIHR per le elezioni parlamentari in FYRoM (Macedonia) del 5 giugno (che poi però sono state annullate e rinviate, con conseguente annullamento della relativa missione elettorale ODIHR, ma 1 LTO italiano ha comunque partecipato), in Serbia (24 aprile – 1 LTO), in Bielorussia (11 settembre – 3 STO), in Russia (18 settembre – 6 STO), in Georgia (8 ottobre, con un secondo turno il 27 novembre – 1 LTO e 3 STO) e Montenegro (16 ottobre – 1 LTO e 3 STO), per le elezioni presidenziali anticipate in Uzbekistan (4 dicembre – 5 STO) e per le elezioni parlamentari in FYROM (Macedonia) dell’11 dicembre (1 LTO e 3 STO).

Nel 2017, l’Italia ha partecipato alle Missioni in Armenia (2 aprile), con 12 STO, in Albania (25 giugno), con 2 LTO e 6 STO, in Kirghizistan (15 ottobre) con 2 LTO e 6 STO e FYRoM ( 15 ottobre), con 2 LTO e 6 STO.

Nel 2018, l’Italia parteciperà alla Missione di Osservazione Elettorale per le elezioni presidenziali nella Federazione Russa (18 marzo), a quella in Montenegro, alla Missione in Azerbaijan e ad altre in via di definizione.  È inoltre possibile che siano convocate elezioni anticipate in Paesi di nostro interesse e che quindi questo programma sia modificato. Dato che l’ODIHR convoca le sue Missioni di osservazione elettorale circa due mesi prima della data delle elezioni cui si riferiscono, si prega di consultare questo sito in tempo utile.

 

 

NOVITA’! Iscrizione al database dell’ODIHR per i candidati alla partecipazione alle missioni di osservazione elettorale

A partire dall’estate 2017, l’ODIHR ha istituito un database al quale devono iscriversi coloro che aspirano a partecipare alle sue missioni di osservazione elettorale come osservatore, sia di lungo termine (LTO) che di breve termine (STO). I candidati dovranno perciò, come prima cosa, creare un proprio profilo, registrandosi sull’apposito applicativo informatico (Election Expert Database) dell’ODIHR: https://electionexpert.odihr.pl. Per maggiori informazioni, gli interessati potranno consultare sul sito Internet di ODIHR la sezione le domande frequenti e il manuale per gli utenti del database.

Solo coloro che avranno completato il proprio profilo sull’Election Expert Database dell’ODIHR potranno candidarsi come osservatore per le missioni di osservazione elettorale cui l’Italia deciderà di partecipare (vedi paragrafo successivo).

Le Missioni di osservazione elettorale vengono normalmente convocate dall’ODIHR circa due mesi prima dello svolgimento delle elezioni cui si riferiscono. Non appena ciò avviene, se l’Italia decide di partecipare ne viene data subito notizia su questa pagina WEB. I candidati italiani dovranno allora trasmettere la propria domanda di partecipazione direttamente all’ODIHR attraverso l’Election Expert Database non appena le posizioni vengono pubblicate nella sezione “Available Vacancies”.

In caso di difficoltà tecniche, eventuali richieste di assistenza possono essere rivolte all’ODIHR , seguente indirizzo e-mail:

ITL-observers@odihr.pl.

Gli osservatori italiani selezionati dall’ODIHR, sia quelli di lungo termine (LTO) che di breve termine (STO), devono trasmettere all’ODIHR informazioni e documenti aggiuntivi necessari per la loro partecipazione alla missione utilizzando l’Election Expert Database. Gli osservatori italiani riceveranno dall’ODIHR una diaria, il cui importo varia di volta in volta (per una settimana - 8 giorni gli STO, per poco più di un mese circa i LTO), un’assicurazione contro il rischio Morte ed Infortuni (ma non un’assicurazione medica, ragion per cui essi dovranno provvedere a stipularla per proprio conto o ad accettare di pagare di tasca propria eventuali spese mediche!), i trasporti interni e l’assistenza di un interprete nel Paese dove si svolge la Missione ed il pagamento del biglietto aereo a/r dall’Italia per il Paese dove si svolge la Missione. Se non si parte dall’Italia, il biglietto aereo da provenienza diversa dall’Italia sarà pagato da ODIHR solo se il suo costo è minore o uguale di quello dall’Italia.

Ove occorra il visto per entrare nel Paese dove ha luogo la missione di osservazione elettorale, l’osservatore prescelto dovrà richiederlo all’Ambasciata del Paese stesso a Roma o a quella competente per il Paese in cui risiede.

N.B.: Le candidature, come le richieste di informazione sulla Missione di osservazione elettorale, vanno inviate solo all’ODIHR e non a questo Ministero! La selezione dei candidati è di competenza esclusiva dell’ODIHR e non di questo Ministero.

Il monitoraggio elettorale

Il monitoraggio elettorale è un'attività che non si limita ai soli giorni immediatamente a ridosso delle elezioni, ma riguarda un periodo di tempo assai più ampio, che copre sia la fase pre-elettorale che quella post elettorale.

Esistono due tipi di ruoli che si possono ricoprire in una missione di monitoraggio elettorale: l'osservatore elettorale di breve periodo e l'osservatore elettorale di lungo periodo (short term observer o STO e long term observer o LTO). Gli osservatori di breve periodo vengono inviati a ridosso del momento elettorale per monitorare le operazioni di voto e di scrutinio. Gli osservatori di lungo periodo hanno invece il compito di osservare l'intero processo elettorale a partire da circa un mese prima del giorno delle elezioni. La durata delle missioni di monitoraggio elettorale varia pertanto da un massimo di 40-45 giorni circa ad un minimo di sette/otto giorni.

 

Requisiti obbligatori di partecipazione

 I requisiti necessari per essere presi in considerazione dall’ODIHR come osservatori sono i seguenti:

  •         essere di nazionalità italiana (con pieno godimento dei diritti politici);
  •         essere in possesso di un titolo di studio universitario od equivalente;
  •         avere un'ottima conoscenza dell'inglese scritto e parlato;
  •         avere una buona conoscenza dei processi elettorali nei paesi democratici;
  •         avere una buona capacità di lavorare in gruppo;
  •         non avere motivi di incompatibilità con l'incarico;
  •         essere in buona condizione fisica;
  •         essere in possesso di patente di guida.

 

PARTECIPAZIONE DELL’ITALIA ALLA MISSIONE DI OSSERVAZIONE ELETTORALE DELL’ODIHR IN UCRAINA PER LE ELEZIONI PARLAMENTARI ANTICIPATE (21 luglio 2019)

L’Italia partecipa alla Missione di Osservazione Elettorale dell’OSCE/ODIHR in Ucraina per le elezioni parlamentari in quel Paese che si terranno il 21 luglio 2019 con 2 osservatori di lungo termine (Long Term Observer – LTO) e 10 osservatori di breve termine (Short Term Observers – STO): questi ultimi dovranno soggiornare in Ucraina dal 16 giugno (data di partenza per Kiev) al 31 luglio (data di partenza da Kiev).

Fra questi, 6 STOs sono già stati selezionati e altri 4 STOs saranno oggetto di selezione. Questi ultimi dovranno soggiornare in Ucraina dal 16 luglio (data di partenza per Kiev) al 24 luglio (data di partenza da Kiev).

Il nostro Paese finanzia detta MOE, relativamente al secondo turno delle elezioni, con la somma di € 54.200 (euro cinquantaquattromiladuecento), con la quale l’ODIHR pagherà ai dodici osservatori italiani il biglietto aereo a/r per l’Ucraina, l’assicurazione contro il rischio Morte & Infortuni (ma non un’assicurazione medica, ragion per cui essi dovranno provvedere a stipularla per proprio conto o a farsi carico di eventuali spese mediche), i trasporti interni, l’assistenza di un interprete nel Paese dove si svolge la Missione ed il pagamento di una diaria giornaliera di € 159 (euro centocinquantanove - N.B.: cifra suscettibile di variazioni) per i pasti e altre spese.

Come sopra specificato, i candidati interessati a partecipare dovranno presentare domanda esclusivamente attraverso l’apposito applicativo informatico (Election Expert Database) dell’ODIHR .

Candidature per Long Term Observer (LTO): la presentazione potrà avvenire fino alle ore 12.00 del 4 giugno p.v..

Candidature per Short Term Observer (STO): la presentazione potrà avvenire fino alle ore 12.00 del 24 giugno p.v.

L’ODIHR esaminerà le domande presentate entro le date indicate sopra e poi proporrà a questo Ministero i candidati selezionati per l’approvazione finale. I candidati prescelti saranno contattati direttamente dall’ODIHR, che fornirà loro tutte le spiegazioni necessarie.

I candidati selezionati dall’ODIHR dovranno confermare la propria partecipazione entro due giorni dalla comunicazione dell’avvenuta selezione

 

PARTECIPAZIONE DELL’ITALIA ALLA MISSIONE DI OSSERVAZIONE ELETTORALE DELL’ODIHR IN ALBANIA PER LE ELEZIONI LOCALI (30 GIUGNO 2019)

L’Italia partecipa alla Missione di Osservazione Elettorale dell’OSCE/ODIHR in Albania, per le elezioni locali in quel Paese che si terranno il 30 giugno 2019 con 2 osservatori di lungo termine (Long Term Observer – LTO), che dovranno soggiornare in Albania orientativamente dal 30 maggio al 7 luglio, e 6 osservatori di breve termine (Short Term Observers – STO), che dovranno soggiornare in Albania orientativamente dal 26 giugno al 3 luglio.

Il nostro Paese finanzia detta MOE con la somma di € 31.000 (euro trentunomila), con la quale l’ODIHR pagherà agli 8 osservatori italiani il biglietto aereo a/r per la Moldova, l’assicurazione contro il rischio Morte & Infortuni (ma non un’assicurazione medica, ragion per cui essi dovranno provvedere a stipularla per proprio conto o a farsi carico di eventuali spese mediche), i trasporti interni, l’assistenza di un interprete nel Paese dove si svolge la Missione ed il pagamento di una diaria giornaliera di € 128 (euro centoventotto) per i pasti e altre spese.

Come sopra specificato, i candidati interessati a partecipare dovranno presentare domanda esclusivamente attraverso l’apposito applicativo informatico (Election Expert Database) dell’ODIHR .

Candidature per Long Term Observer (LTO): la presentazione potrà avvenire fino al 2 maggio ore 17.00.

Candidature per Short Term Observer (STO): la presentazione potrà avvenire fino al 4 giugno ore 17.00.

L’ODIHR esaminerà le domande presentate entro le date indicate sopra e poi proporrà a questo Ministero i candidati selezionati per l’approvazione finale. I candidati prescelti saranno contattati direttamente dall’ODIHR, che fornirà loro tutte le spiegazioni necessarie.

I candidati selezionati dall’ODIHR dovranno confermare la propria partecipazione entro due giorni dalla comunicazione dell’avvenuta selezione.

 

PARTECIPAZIONE DELL’ITALIA ALLA MISSIONE DI OSSERVAZIONE ELETTORALE DELL’ODIHR IN KAZAKHSTAN PER LE ELEZIONI PRESIDENZIALI (9 GIUGNO 2019)

L’Italia partecipa alla Missione di Osservazione Elettorale dell’OSCE/ODIHR in Kazakhstan, per le elezioni presidenziali in quel Paese che si terranno il 9 giugno 2019 con 2 osservatori di lungo termine (Long Term Observer – LTO), che dovranno soggiornare in Kazakhstan orientativamente dal 12 maggio al 16 giugno, e 6 osservatori di breve termine (Short Term Observers – STO), che dovranno soggiornare in Kazakhstan orientativamente dal 5 giugno al 12 giugno.

Il nostro Paese finanzia detta MOE con la somma di € 33.000 (euro trentatremila), con la quale l’ODIHR pagherà agli 8 osservatori italiani il biglietto aereo a/r per il Kazakhstan, l’assicurazione contro il rischio Morte & Infortuni (ma non un’assicurazione medica, ragion per cui essi dovranno provvedere a stipularla per proprio conto o a farsi carico di eventuali spese mediche), i trasporti interni, l’assistenza di un interprete nel Paese dove si svolge la Missione ed il pagamento di una diaria giornaliera di € 148 (euro centoquarantotto) per i pasti e altre spese.

Come sopra specificato, i candidati interessati a partecipare dovranno presentare domanda esclusivamente attraverso l’apposito applicativo informatico (Election Expert Database) dell’ODIHR .

Candidature per Long Term Observer (LTO): la presentazione potrà avvenire fino al 30 aprile p.v. ore 17.00.

Candidature per Short Term Observer (STO): la presentazione potrà avvenire fino al 15 maggio p.v. ore 17.00.comunicate.

L’ODIHR esaminerà le domande presentate entro le date indicate sopra e poi proporrà a questo Ministero i candidati selezionati per l’approvazione finale. I candidati prescelti saranno contattati direttamente dall’ODIHR, che fornirà loro tutte le spiegazioni necessarie.

I candidati selezionati dall’ODIHR dovranno confermare la propria partecipazione entro due giorni dalla comunicazione dell’avvenuta selezione.

 

PARTECIPAZIONE DELL’ITALIA ALLA MISSIONE DI OSSERVAZIONE ELETTORALE DELL’ODIHR NELLA REPUBBLICA DI MACEDONIA DEL NORD PER LE PROSSIME ELEZIONI PRESIDENZIALI (21 APRILE 2019)

L’Italia partecipa alla Missione di Osservazione Elettorale dell’OSCE/ODIHR nella Repubblica di Macedonia del Nord, per le elezioni presidenziali in quel Paese, previste per il 21 aprile 2019, con 2 osservatori di lungo termine (Long Term Observer – LTO), che dovranno soggiornare nella Repubblica di Macedonia del Nord dal 18 marzo al 30 aprile 2019 (e fino al 14 maggio in caso di secondo turno), e 6 osservatori di breve termine (Short Term Observers – STO),  che dovranno soggiornare nella Repubblica di Macedonia del Nord dal 17 al 24 aprile 2019.

Il nostro Paese finanzia detta MOE, relativamente al primo turno delle elezioni, con la somma di € 32.000 (euro trentaduemila), con la quale l’ODIHR pagherà agli otto osservatori italiani il biglietto aereo a/r per il Paese di destinazione, l’assicurazione contro il rischio Morte & Infortuni (ma non un’assicurazione medica, ragion per cui essi dovranno provvedere a stipularla per proprio conto o a farsi carico di eventuali spese mediche), i trasporti interni, l’assistenza di un interprete nel Paese dove si svolge la Missione e provvederà al pagamento di una diaria giornaliera di € 139 (euro centotrentanove - N.B.: cifra suscettibile di variazioni) per i pasti e altre spese.

Come sopra specificato, i candidati interessati a partecipare dovranno presentare domanda esclusivamente attraverso l’apposito applicativo informatico (Election Expert Database) dell’ODIHR .

Candidature per Long Term Observer (LTO): la presentazione potrà avvenire fino alle ore 17.00 del 14 febbraio p.v..

Candidature per Short Term Observer (STO): la presentazione potrà avvenire fino alle ore 17.00 del 25 marzo p.v.

L’ODIHR esaminerà le domande presentate entro le date indicate sopra e poi proporrà a questo Ministero i candidati selezionati per l’approvazione finale. I candidati prescelti saranno contattati direttamente dall’ODIHR, che fornirà loro tutte le spiegazioni necessarie.

I candidati selezionati dall’ODIHR dovranno confermare la propria partecipazione entro due giorni dalla comunicazione dell’avvenuta selezione.

 Si attira l’attenzione dei candidati sull’eventualità che possa avere luogo un secondo turno elettorale.

 

PARTECIPAZIONE DELL’ITALIA ALLA MISSIONE DI OSSERVAZIONE ELETTORALE DELL’ODIHR IN UCRAINA PER IL SECONDO TURNO DELLE ELEZIONI PRESIDENZIALI (21 aprile 2019)

L’Italia partecipa alla Missione di Osservazione Elettorale dell’OSCE/ODIHR in Ucraina, per il secondo turno delle elezioni presidenziali in quel Paese che si terrà il 21 aprile 2019 con 2 osservatori di lungo termine (Long Term Observer – LTO) e 10 osservatori di breve termine (Short Term Observers – STO): questi ultimi dovranno soggiornare in Ucraina dal 16 aprile (data di partenza per Kiev) al 24 aprile (data di partenza da Kiev).

Il nostro Paese finanzia detta MOE, relativamente al secondo turno delle elezioni, con la somma di € 46.000 (euro quarantaseimila), con la quale l’ODIHR pagherà ai dodici osservatori italiani il biglietto aereo a/r per l’Ucraina, l’assicurazione contro il rischio Morte & Infortuni (ma non un’assicurazione medica, ragion per cui essi dovranno provvedere a stipularla per proprio conto o a farsi carico di eventuali spese mediche), i trasporti interni, l’assistenza di un interprete nel Paese dove si svolge la Missione ed il pagamento di una diaria giornaliera di € 171 (euro centosettantuno - N.B.: cifra suscettibile di variazioni) per i pasti e altre spese.

Come sopra specificato, i candidati interessati a partecipare dovranno presentare domanda esclusivamente attraverso l’apposito applicativo informatico (Election Expert Database) dell’ODIHR .

Candidature per Short Term Observer (STO): la presentazione potrà avvenire fino alle ore 12.00 del 5 aprile p.v..

L’ODIHR esaminerà le domande presentate entro le date indicate sopra e poi proporrà a questo Ministero i candidati selezionati per l’approvazione finale. I candidati prescelti saranno contattati direttamente dall’ODIHR, che fornirà loro tutte le spiegazioni necessarie.

I candidati selezionati dall’ODIHR dovranno confermare la propria partecipazione entro due giorni dalla comunicazione dell’avvenuta selezione.

 

PARTECIPAZIONE DELL'ITALIA ALLA MISSIONE DI OSSERVAZIONE ELETTORALE DELL'ODIHR IN UCRAINA PER LE ELEZIONI PRESIDENZIALI (31 MARZO 2019)

L’Italia partecipa alla Missione di Osservazione Elettorale dell’OSCE/ODIHR in Ucraina, per le elezioni presidenziali in quel Paese che si terranno il 31 marzo 2019 con 2 osservatori di lungo termine (Long Term Observer – LTO), che dovranno soggiornare in Ucraina dall’11 febbraio al 10 aprile (e fino al 1° maggio in caso di secondo turno) e 6 osservatori di breve termine (Short Term Observers – STO) che dovranno soggiornare in Ucraina dal 26 marzo al 3 aprile (e dal 16 al 24 Aprile in caso di secondo turno).

 Il nostro Paese finanzia detta MOE, relativamente al primo turno delle elezioni, con la somma di € 46.000 (euro quarantaseimila), con la quale l’ODIHR pagherà agli otto osservatori italiani il biglietto aereo a/r per l’Ucraina, l’assicurazione contro il rischio Morte & Infortuni (ma non un’assicurazione medica, ragion per cui essi dovranno provvedere a stipularla per proprio conto o a farsi carico di eventuali spese mediche), i trasporti interni, l’assistenza di un interprete nel Paese dove si svolge la Missione ed il pagamento di una diaria giornaliera di € 171 (euro centosettantuno - N.B.: cifra suscettibile di variazioni) per i pasti e altre spese.

Come sopra specificato, i candidati interessati a partecipare dovranno presentare domanda esclusivamente attraverso l’apposito applicativo informatico (Election Expert Database) dell’ODIHR .

Candidature per Long Term Observer (LTO): la presentazione potrà avvenire fino alle ore 17.00 del 17 gennaio p.v.

Candidature per Short Term Observer (STO: la presentazione potrà avvenire fino alle ore 17.00 del 21 febbraio p.v.

L’ODIHR esaminerà le domande presentate entro le date indicate sopra e poi proporrà a questo Ministero i candidati selezionati per l’approvazione finale. I candidati prescelti saranno contattati direttamente dall’ODIHR, che fornirà loro tutte le spiegazioni necessarie.
I candidati selezionati dall’ODIHR dovranno confermare la propria partecipazione entro due giorni dalla comunicazione dell’avvenuta selezione.
Si attira l’attenzione dei candidati sull’eventualità che possa avere luogo un secondo turno elettorale.

 

 


89
 Valuta questo sito