Accesso civico generalizzato (c.d. FOIA)
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Accesso civico generalizzato (c.d. FOIA)

Data ultimo aggiornamento:

 

12/04/2019


Accesso civico generalizzato (c.d. FOIA)

L’accesso civico generalizzato è disciplinato dall’art. 5, co. 2 del d.lgs. 33/2013, secondo cui chiunque ha il diritto di chiedere dati e documenti detenuti dal Ministero e ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti, secondo quanto previsto dall’art. 5 bis del suddetto decreto legislativo.

La richiesta è gratuita, non deve essere motivata e può essere presentata utilizzando il modello di richiesta di accesso civico generalizzato, alternativamente:

  1. all’ufficio che detiene i dati e/o i documenti, i cui indirizzi sono consultabili nelle sottosezioni Articolazione degli uffici e Telefono e posta elettronica

  2. all’Ufficio Relazioni con il Pubblico tramite gli indirizzi di posta elettronica FOIA@esteri.it e urp.foia@cert.esteri.it 

In presenza di soggetti controinteressati, l’Amministrazione deve dare comunicazione agli stessi della richiesta. Il controinteressato può opporsi all’ostensione dei dati o documenti presentando istanza di opposizione e, nel caso in cui il Ministero decida comunque di accogliere la richiesta, può presentare istanza di riesame.

Nei casi di diniego - totale o parziale - o di mancata risposta, il richiedente può presentare istanza di riesame al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, tramite l’Ufficio Relazioni con il pubblico ed anche per via telematica agli indirizzi di posta elettronica FOIA@esteri.it e urp.foia@cert.esteri.it. Il termine per decidere sulla richiesta di riesame è fissato dalla norma in 20 giorni, salvo che il diniego o differimento sia connesso alla protezione dei dati personali, nel qual caso il Responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenza provvede sentito il Garante per la protezione dei dati personali, per cui il termine è innalzato di ulteriori 10 giorni.

Avverso la decisione dell’amministrazione o, in caso di richiesta di riesame, avverso quella del responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, il richiedente può proporre il ricorso al Tribunale amministrativo regionale ai sensi dell’articolo 116  del Codice del processo amministrativo di cui al decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104. 

 


25035
 Valuta questo sito