ONU - Formazione per protezione dei bambini nei conflitti armati finanziata dall’Italia
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

ONU - Formazione per protezione dei bambini nei conflitti armati finanziata dall’Italia

Data:

11/06/2012


ONU - Formazione per protezione dei bambini nei conflitti armati finanziata dall’Italia

La Rappresentanza italiana all’Onu a Ginevra ha ospitato un evento per presentare i risultati del progetto del Dipartimento delle Nazioni Unite per le Operazioni di Peacekeeping (DPKO), finalizzato alla creazione di un modulo di formazione del personale civile e militare delle missioni di peacekeeping alla protezione dei bambini coinvolti nei conflitti armati.

La prima fase dell'iniziativa - lanciata lo scorso anno grazie al sostegno finanziario dell'Italia - si e' recentemente conclusa con lo svolgimento di un seminario di esperti presso la Base Logistica delle Nazioni Unite di Brindisi. Grazie anche all’azione italiana di sensibilizzazione, Austria, Canada e Germania hanno deciso di finanziare le restanti tappe dell'iniziativa, a conferma del suo valore.

Aggiornare e a razionalizzare i diversi programmi di formazione esistenti

L’Ambasciatore Laura Mirachian ha sottolineato come l'iniziativa del DPKO sia centrata su due temi prioritari della nostra politica estera: il sostegno alle operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite e la protezione dei bambini in situazioni di conflitto armato. Ricordando come i peacekeepers si trovino sempre piu' spesso impegnati in conflitti caratterizzati dal coinvolgimento di minori, Mirachian ha evidenziato il carattere strategico del progetto, che mira ad aggiornare e a razionalizzare i diversi programmi di formazione esistenti e a mettere a disposizione uno strumento flessibile e fruibile in tempi rapidi. Per quanto riguarda le prossime tappe dell'iniziativa, il DPKO ha delineato tre linee di azione: mettere a punto, sulla base degli esiti di Brindisi, un modulo di formazione uniforme e aggiornato; assicurarsi che esso sia accompagnato da chiare linee guida per promuoverne l'attuazione (da ricerche e' infatti emerso che solo il 60% delle missioni ONU utilizza corsi di formazione su protezione dei bambini); sviluppare forme di collaborazione con centri di formazione di peacekeeping e Stati membri per sperimentare e applicare il modulo di formazione.

Luogo:

Rome

13694
 Valuta questo sito