This site uses technical and analytics cookies.
By continuing to browse, you agree to the use of cookies.

Farnesina – A Roma convegno sulle sfide per la diplomazia italiana (in translation)

La diplomazia italiana del futuro, le prospettive di una diplomazia europea e le sfide che attendono il nostro paese e l’Ue, sono state al centro di un convegno organizzato a Roma da Assidiplar, l’Associazione nazionale diplomatici a riposo, e dall’Universita’ La Sapienza. Come sottolineato in un messaggio dal Segretario generale della Farnesina, Michele Valensise, la diplomazia “ha un futuro, la complessita’ delle relazioni internazionali richiedono piu’ diplomazia e non meno”. In quest’ottica “la promozione del sistema paese e la tutela degli interessi italiani rappresentano i pilastri dell’azione diplomatica. Vogliamo una Farnesina al passo con i tempi, che sia la casa della diplomazia del futuro”.


Nuove sfide per la diplomazia italiana


Sulla stessa linea il vicepresidente del Parlamento europeo, Gianni Pittella, secondo cui la diplomazia “non e’ un lusso ma una risorsa aggiuntiva, un bene primario sul quale investire”. I mutamenti internazionali, spiega, “propongono nuove sfide per la diplomazia italiana; bisogna trasformare le difficolta’ in opportunita'”. Inoltre tutti gli Stati Ue, aggiunge Pittella, “dovranno confrontarsi con una politica estera europea”. Gli fa eco Elisabetta Belloni, Direttore generale risorse umane e innovazione del Mae, che evidenzia come “l’esigenza di un cambiamento sia sotto gli occhi di tutti”. E’ “indispensabile”, spiega, un “riorientamento” e una “riallocazione” della rete diplomatica italiana. Per Pierfrancesco Sacco, Capo unita’ analisi del ministero, e’ necessaria inoltre una “evoluzione culturale, i tempi sono cambiati e questa Farnesina sa cambiare, l’ha gia’ dimostrato”. Presenti a Villa Madama, tra gli altri, Lucio Battistotti, direttore della rappresentanza della Commissione Ue in Italia, Umberto Ranieri, presidente della Fondazione Mezzogiorno Europa, e Stefano Baldi, direttore dell’Istituto diplomatico “Mario Toscano”.

You might also be interested in..