This site uses technical, analytics and third-party cookies.
By continuing to browse, you accept the use of cookies.

Preferences cookies

Il Jobs Act

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha organizzato di concerto  con il Ministero del Lavoro l’iniziativa di presentazione del Jobs Act agli ambasciatori accreditati in Italia dei Paesi del G20. Il Jobs Act vuole creare nuova occupazione stabile, rafforzare le opportunità di ingresso nel mondo del lavoro, riordinare i contratti di lavoro vigenti e razionalizzare le procedure di costituzione e gestione dei rapporti di lavoro. Il Jobs Act ha l’effetto di creare un quadro più certo e favorevole per gli investitori che guardano all’Italia.

Il Jobs Act in pillole:

  •          Il contratto a tempo indeterminato diventa la forma di assunzione privilegiata, con l’obiettivo di creare nuova occupazione stabile.
  •          Il modello di flexicurity inaugurato dal Jobs Act si basa su un equilibrio tra politiche passive di sostegno al reddito e politiche attive, che favoriscono l’effettiva ricollocazione del lavoratore. 
  •          La partecipazione delle donne al mercato del lavoro e la loro valorizzazione professionale sono condizioni irrinunciabili per la crescita del Paese.
  •          Un orario lavorativo meno rigido, il telelavoro, la possibilità di fruire dei congedi parentali anche su base oraria sono alcune delle soluzioni per conciliare le esigenze personali dei lavoratori a quelle produttive delle imprese.
  •          Il Jobs Act punta ad una maggiore equità sociale tramite l’universalizzazione degli strumenti di sostegno al reddito per chi è disoccupato. 

Documentazione e Normativa