This site uses technical, analytics and third-party cookies.
By continuing to browse, you accept the use of cookies.

Preferences cookies

Minister Moavero Milanesi and Marshal Khalifa Haftar met today in Libya

Today the Minister of Foreign Affairs and International Cooperation, Enzo Moavero Milanesi and Marshal Khalifa Haftar had a long and cordial conversation in Benghazi, relaunching Libya’s close relationship with Italy in a climate of consolidated trust. The two leaders showed a broad convergence of views in order to foster close cooperation and a common commitment for a united and stable Libya.

Minister Moavero said: “Italy gives great importance to maintaining an active dialogue with all those who look at the future of Libya through the loyalty of friendship, in the sincere interest of its people and of their full self-determination. Libyan citizens must be enabled to exercise their sovereignty and to freely decide their destiny. The political process initiated must be completed, especially through orderly and transparent elections held in conditions of adequate security.”   

On his part, Marshal Haftar expressed to Minister Moavero his appreciation for the commitment of Italy’s foreign policy, which is considered to be essential for Libya, also thanks to the varied and articulate proposals that characterise it. Marshal Haftar added that he is ready to contribute to actively support the Country’s security, stabilisation and dialogue for the good of all the Libyan people.  

The national reconciliation process, in compliance with the framework established by the United Nations, will be able to make further progress in the ‘Conference for Libya’ that Italy has offered to host in November.

In the talks, Minister Moavero and Marshal Khalifa also addressed other issues of mutual interest. They especially made an overview of the ways in which to intensify cooperation in the field of humanitarian aid and boost efforts to fight terrorism and trafficking of all types, as well as the exploiters of human beings. 

Riunione tra il Ministro Moavero Milanesi e il Maresciallo Khalifa Haftar

Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi e il  Maresciallo Khalifa Haftar hanno avuto oggi a Bengasi un lungo e cordiale colloquio che ha rilanciato lo stretto rapporto con l’Italia, in un clima di consolidata fiducia. Fra i due vi è stata ampia convergenza per un’intensa cooperazione e sul comune impegno per una Libia unita e stabile.

L’Italia – ha sottolineato il Ministro Moavero – attribuisce grande importanza al mantenimento di un attivo dialogo con tutti coloro che guardano al futuro della Libia con leale amicizia, nello schietto interesse del suo popolo e della sua piena autodeterminazione. I cittadini libici devono essere messi in grado di esercitare la propria sovranità e di poter decidere liberamente il proprio destino. Il percorso politico avviato va portato a termine, in particolare, attraverso elezioni ordinate e trasparenti, che si svolgano in condizioni di adeguata sicurezza. 

Dal canto suo, il  Maresciallo Haftar ha espresso al Ministro Moavero il suo apprezzamento per l’impegno di politica estera dell’Italia, ritenuto imprescindibile per la Libia, grazie anche alle svariate e articolate iniziative e proposte che lo caratterizzano. Il Maresciallo Haftar ha aggiunto di essere pronto a dare il suo contributo per supportare attivamente la sicurezza, la stabilizzazione e il dialogo nel Paese, per il bene di tutti i libici.

Il processo di riconciliazione nazionale, nel rispetto del quadro fissato dalle Nazioni Unite, potrà trovare una nuova tappa nella conferenza ‘per la Libia’ che l’Italia è disponibile a ospitare a novembre.

Nel corso del colloquio, il Ministro Moavero e il Maresciallo Haftar hanno anche affrontato gli altri temi di reciproco interesse. In particolare, hanno passato in rassegna le modalità attraverso le quali intensificare la collaborazione in campo umanitario e rafforzare il contrasto al terrorismo e ai trafficanti di ogni tipo, nonché agli sfruttatori di esseri umani.