This site uses technical and analytics cookies.
By continuing to browse, you agree to the use of cookies.

Il Ministro Tajani con il Presidente di ICE Zoppas e gli altri attori per l’internazionalizzazione incontrano le imprese delle zone alluvionate di Emilia Romagna e Marche. Servizi gratuiti a supporto dell’export per un anno.

La stima dei danni è ancora provvisoria, ma davanti alla tragedia che ha colpito il cuore dell’Italia, il Ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani e il Presidente di ICE Matteo Zoppas – insieme ai vertici di CDP, SACE e SIMEST – si sono attivati immediatamente decidendo di incontrare personalmente i cittadini e gli imprenditori delle zone alluvionate.

La visita inizierà nel pomeriggio di oggi a Forlì per fare il punto con le autorità competenti sui danni a cose e persone, una riunione operativa alla quale prenderanno parte il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini, i Vigili del Fuoco e i responsabili della Protezione Civile. A seguire il Ministro Tajani e il Presidente di Ice Zoppas, insieme alle altre istituzioni presenti, si recheranno sui luoghi dell’alluvione per incontrare gli imprenditori, ascoltarne le richieste ma soprattutto per ribadire loro il supporto concreto del Governo attraverso un ventaglio articolato di misure straordinarie a sostegno della loro internazionalizzazione fino a esaurimento di un plafond di spesa di 5 milioni di euro.

Nello specifico, alle aziende ammesse secondo le consuete modalità di adesione alle iniziative già programmate dall’Agenzia ICE, con sedi nei Comuni riconosciuti “vittima della calamità naturale” (secondo le delibere delle Regioni Emilia-Romagna e Marche, una volta ratificate dalla Presidenza del Consiglio), verrà assicurata per un anno la possibilità di accedere a determinati servizi gratuitamente e secondo specifici criteri tra i quali la gratuità degli spazi espositivi in tutte le manifestazioni organizzate da ICE-Agenzia all’estero come fiere e mostre autonome; la partecipazione a seminari, workshop e incoming; l’uso di determinati servizi ICE in tutti i Paesi del mondo; la partecipazione alle iniziative ICE che valorizzano le aziende attraverso l’uso di piattaforme e-commerce; la possibilità di prendere parte ad un Master per l’internazionalizzazione per formare export manager in ambito orto-frutto e/o agroalimentare; la consulenza di Temporary Export Manager con competenze digitali; il supporto con azioni pubblicitarie speciali attraverso l’impiego di marketplace esteri ma anche iniziative di promozione sui mercati internazionali o nei territori interessati dall’alluvione dedicate a settori ad hoc decisi congiuntamente con le Regioni interessate.

You might also be interested in..