This site uses technical, analytics and third-party cookies.
By continuing to browse, you accept the use of cookies.

Viaggio delle radici in Calabria dell’On. Anthony Rota (Calabria, 1° – 6 luglio 2023)

Dal 1° al 6 luglio l’On. Anthony Rota, Presidente della Camera dei Comuni del Canada, svolge il suo “viaggio delle radici” in Calabria, su iniziativa del Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale che gestisce il relativo progetto PNRR “Il Turismo delle Radici – Una Strategia Integrata per la ripresa del settore del Turismo nell’Italia post Covid-19”, teso ad incentivare il flusso di visite ai luoghi d’origine da parte degli italo-discendenti e di oriundi italiani nel mondo, stimati in circa 80 milioni.

Il Presidente Rota è stato ricevuto il 28 giugno scorso a Roma dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il giorno prima dal Vicepresidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale On. Antonio Tajani, come speciale segnale di attenzione e in omaggio alle sue origini italiane. Nel corso del viaggio delle radici in Calabria, l’On. Rota, accompagnato dalla moglie e da una delegazione di funzionari del Ministero degli Esteri, sarà accolto dal Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, dal Sindaco di Cosenza, Franz Caruso, e dai Sindaci di Pedace e Pietrafitta, Francesca Pisani e Antonio Muto. L’On. Rota avrà anche occasione di visitare in Calabria, sua regione di origine, alcuni luoghi identitari dell’emigrazione italiana, quali i borghi di Tropea e Morano Calabro.

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, ha posto il turismo di ritorno degli italo-discendenti al centro della strategia di consolidamento dei rapporti con le comunità italiane all’estero. “Viaggi come quello del Presidente Rota”, ha spiegato il Vice Premier, “rappresentano una grande opportunità di valorizzazione per tutti i borghi e i piccoli comuni da cui sono partiti gli emigrati italiani. Tali iniziative sono sostenute dalla Farnesina attraverso il progetto Turismo delle Radici, che consentirà di rivitalizzare le filiere produttive e le strutture recettive in luoghi spesso esclusi dai principali flussi turistici, favorendo la formazione dei giovani in professioni legate al settore dell’accoglienza e della promozione turistica”.

Le storie di italo-discendenti di successo, come quella dell’On. Rota, da condividere con le comunità italiane all’estero al fine di consolidarne il senso di appartenenza all’Italia, costituiscono un aspetto fondamentale per la divulgazione degli eventi legati al Turismo delle Radici, che si svolgeranno in Italia durante il 2024, l’Anno delle Radici italiane nel mondo. Il coinvolgimento di personalità di spicco come quella dell’On. Rota permetterà di promuovere efficacemente borghi e piccoli comuni italiani, insieme alle loro tradizioni culturali ed enogastronomiche, con l’obiettivo finale di rafforzare i legami con le comunità italiane all’estero e creare, al contempo, nuove opportunità di cooperazione internazionale.