This site uses technical, analytics and third-party cookies.
By continuing to browse, you accept the use of cookies.

Preferences cookies

Tokyo – Concluso il festival del cinema italiano (in translation)

Si e’ concluso lunedi’ 5 maggio il Festival del cinema italiano di Tokyo. Arrivata alla XIV edizione, la kermesse ha presentato un’importante selezione di 14 film recenti, realizzati da maestri gia’ affermati e giovani esordienti, tutti in prima visione. L’evento e’ stato organizzato da Istituto Luce Cinecitta’ con l’ambasciata italiana e l’Istituto italiano di Cultura, in collaborazione con il colosso editoriale giapponese Asahi Shimbun, con l’Alto Patronato del presidente della Repubblica italiana.


I registi e i film in programma


Quest’anno i colori italiani sono stati portati da una delegazione tutta al maschile che conta i registi Roberto Ando’, Gianfranco Rosi, Giorgio Diritti, Antonio Piazza, Fabio Grassadonia, Fabio Mollo, Rocco Papaleo e dagli interpreti Alessandro Haber e Jean-Christophe Folly. Tra le pellicole presentate al pubblico giapponese, “Un giorno devi andare” (Giorgio Diritti, 2012), “Che strano chiamarsi Federico” (Ettore Scola, 2013), “La mafia uccide solo d’estate” (Pierfrancesco Diliberto, 2013), “La grande bellezza” (Paolo Sorrentino, 2013) e “Sacro GRA” (Gianfranco Rosi, 2013).