Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Autorizzazioni all’esportazione di vaccini anti COVID-19

Al fine di garantire un accesso tempestivo ai vaccini anti COVID-19 a tutti i cittadini dell’UE e la trasparenza delle relative esportazioni al di fuori del territorio dell’Unione, la Commissione europea ha adottato il Regolamento di esecuzione n. 2021/111 del 29 gennaio 2021, entrato in vigore il 30 gennaio 2021.  E’ stato così istituito un meccanismo di autorizzazione all’esportazione dei vaccini e delle sostanze attive anti COVID-19, con la finalità di contenere i rischi di mancato rispetto degli accordi di acquisto anticipato (Advanced Purchase Agreements – APA) sottoscritti dall’UE con le società farmaceutiche produttrici.

Il Regolamento n. 2021/111 è stato rispettivamente sostituito e modificato dai Regolamenti di esecuzione (UE) 2021/442 e 2021/521, in vigore dal 13 e dal 26 marzo u.s., con applicazione prevista per entrambi fino al 30 giugno, ma successivamente prorogata fino al 30 settembre 2021 dal Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1071. Il combinato disposto dei Regolamenti n. 442 e n. 521 prevede l’obbligo in capo alle aziende produttrici del vaccino o delle sostanze attive utilizzate per la sua fabbricazione di acquisire un’ apposita autorizzazione ai fini della relativa esportazione in Paesi extra-UE, rilasciata dallo Stato membro nel quale  detti prodotti vengano fabbricati o confezionati.

In Italia la domanda di autorizzazione deve essere presentata al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, fornendo le informazioni richieste mediante compilazione dei due moduli disponibili ai seguenti link:

modello di richiesta di autorizzazione bilingue (IT e EN):

tabella richiesta di autorizzazione all’export con dosi già distribuite nei Paesi europei e in Irlanda del Nord: Ai fini del rilascio dell’autorizzazione, si applica la procedura prevista dall’art. 2 del regolamento n. 2021/442:

La domanda può essere presentata dal rappresentante legale dell’azienda esportatrice oppure da un operatore commerciale intermediario, munito di espressa delega dell’esportatore di vaccini anti COVID-19.

La domanda di autorizzazione dovrà essere accompagnata da:

  • Eventuale delega dell’esportatore all’operatore economico (corredata da copia del documento d’identità di quest’ultimo);
  • Autocertificazione dell’esportatore o dell’operatore economico in cui si dichiara:
    • a) che le informazioni contenute nel modello di domanda sono esatte e fornite in buona fede;
    • b) che i documenti prodotti corrispondono a quelli in possesso e che i si impegna a conservarli per cinque anni;
    • c) che è stabilito in Italia;
    • d) che acconsente al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento n. 2016/679.

La domanda deve pervenire a mezzo di posta elettronica certificata all’indirizzo: dgue.10@cert.esteri.it

Il Ministero verifica la presenza dei necessari presupposti indicati all’art. 1(7) del citato Regolamento 2021/442, nonché le ulteriori condizioni  di proporzionalità e reciprocità dettate  dall’art. 2 del Regolamento n. 2021/521. Il Ministero notifica quindi alla Commissione un progetto di decisione, per le valutazioni di competenza; nel caso in cui quest’ultima comunichi espressamente l’assenza di obiezioni o non richieda chiarimenti e/o integrazioni, l’amministrazione decide in via definitiva sulla domanda.

Sono esentate dall’obbligo di autorizzazione all’esportazione le spedizioni destinate ai paesi extra-UE di cui all’art. 1 (9) del Regolamento 2021/442. Si segnala tuttavia che il Regolamento n. 2021/521 ha sospeso le esenzioni verso i 17 Stati terzi [1] (cfr. art. 1) indicati di seguito:

–          Albania

–          Armenia

–          Azerbaijan

–          Bielorussia

–          Bosnia-Erzegovina

–          Georgia

–          Giordania

–          Islanda

–          Israele

–          Libano

–          Libia

–          Liechtenstein

–          Montenegro

–          Norvegia

–          Macedonia del Nord

–          Serbia

–          Svizzera

 

Normativa di riferimento:

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2021/442 DELLA COMMISSIONE dell’11 marzo 2021 che subordina l’esportazione di taluni prodotti alla presentazione di un’autorizzazione di esportazione;

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2021/521 DELLA COMMISSIONE del 24 marzo 2021 che stabilisce disposizioni specifiche relative al meccanismo che subordina l’esportazione di taluni prodotti alla presentazione di un’autorizzazione di esportazione;

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2021/734 DELLA COMMISSIONE del 5 maggio 2021 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) 2021/521 che stabilisce disposizioni specifiche relative al meccanismo che subordina l’esportazione di taluni prodotti alla presentazione di un’autorizzazione di esportazione;

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2021/1071 DELLA COMMISSIONE del 29 giugno 2021 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) 2021/442 e il regolamento di esecuzione (UE) 2021/521 relativi al meccanismo che subordina l’esportazione di taluni prodotti alla presentazione di un’autorizzazione di esportazione.

FAQ

 

Contatti:

Ufficio X DGUE

Accesso al Mercato e Difesa Commerciale attiva e passiva

E-mail: dgue-10@esteri.it

Posta certificata: dgue.10@cert.esteri.it

 


1 – Viceversa restano esenti dal meccanismo di autorizzazione, come stabilito dall’art. 1 del Regolamento di esecuzione (UE) 2021/734, le esportazioni verso le seguenti destinazioni: Andorra; Isole Faer Oer; San Marino; Città del Vaticano; Büsingen, Helgoland; Livigno; Ceuta e Melilla; i paesi e territori d’oltremare elencati nell’allegato II del Trattato sul funzionamento dell’UE; i paesi a basso e medio reddito compresi nell’elenco COVAX Advance Market Commitment (AMC).